Early Modern History (i) (2004/2005)

Course not running

Course code
4S01288
Name of lecturer
Alessandro Arcangeli
Number of ECTS credits allocated
6
Other available courses
Academic sector
M-STO/02 - MODERN HISTORY
Language of instruction
Italian
Location
VERONA
Period
1st Semester dal Oct 4, 2004 al Dec 21, 2004.

Lesson timetable

1st Semester
Day Time Type Place Note
Tuesday 8:30 AM - 10:10 AM lesson Lecture Hall 1.1  
Wednesday 8:30 AM - 10:10 AM lesson Lecture Hall 1.1  

Learning outcomes

conoscenza della storia generale dal 1450 al 1815, con particolare attenzione per la storia culturale europea.

Syllabus

presentazione di una scelta significativa di temi e problemi di storia moderna. Approfondimento monografico: storia del gioco e dello sport.
Testi di riferimento:
1. Roberto Bizzocchi, Guida allo studio della storia moderna, Laterza, Roma-Bari 2002 (NB – trattandosi di opera concepita per “integrare il manuale”, lo studente dovrà consultare un buon libro di testo delle scuole superiori ogni volta che il riferimento a fatti che non conosce o non ricorda glielo richieda).
2. Uno a scelta fra i seguenti libri, che verranno illustrati e utilizzati dal docente nella parte monografica del corso:
Alessandro Arcangeli, Passatempi rinascimentali. Storia culturale del divertimento in Europa (secoli XV-XVII), con un saggio introduttivo di Peter Burke, Carocci, Roma 2004;
Norbert Elias, Eric Dunning, Sport e aggressività. La ricerca di eccitamento nel “loisir”, il Mulino, Bologna 1989 – fino al capitolo sesto incluso (p. 260);
Johan Huizinga, Homo ludens, Einaudi, Torino 1973 (ristampa 2002);
Richard D. Mandell, Storia culturale dello sport, Laterza, Roma-Bari 1989 – seguirà indicazione di capitoli.
Al posto di uno dei libri qui indicati, sarà possibile optare per ulteriori letture alternative indicate dal docente a lezione, o concordate in orario di ricevimento.
Metodi didattici: lezioni frontali ed esercitazioni.

Assessment methods and criteria

questionario scritto (concernente sia il manuale, sia il libro a scelta), integrato da colloquio orale di discussione dei risultati. Fra le due parti della prova non c’è distinzione di programma.