Letteratura greca B (s) (2007/2008)

Corso disattivato

Codice insegnamento
4S01488
Docenti
Guido Avezzu', Andrea Rodighiero
Coordinatore
Guido Avezzu'
crediti
6
Settore disciplinare
L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
I sem dal 1-ott-2007 al 20-dic-2007.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

il corso si propone di completare e approfondire la comprensione della letteratura della Grecia antica, con particolare riferimento alla produzione tragica sofoclea e all’opera superstite in frammenti, mediante la lettura diretta dei testi e l’approfondimento filologico, critico e storico-letterario.

Programma

Prerequisiti: si presuppone che lo studente abbia già frequentato corsi del settore scientifico-disciplinare per almeno 18 CFU.

Contenuto del corso:
(1) Le forme della tragedia: il dramma di V secolo e i modi della sua rappresentazione;
(2) Sofocle, l’opera superstite in frammenti.

Testi di riferimento:
(1) M. Di Marco, La tragedia greca. Forma, gioco scenico, tecniche drammatiche, Roma, Carocci, 2000; B. Gentili, L. Lomiento, Metrica e ritmica. Storia delle forme poetiche nella Grecia antica, Milano, Mondadori Università, 2003.
(2) Per i frammenti sofoclei sarà fornito materiale in fotocopia. Si richiede altresì la lettura di due saggi fra i seguenti:
A. Casanova, Osservazioni sui frammenti del Tereo, in Il dramma sofocleo: testo, lingua, interpretazione, Atti del Seminario Internazionale, Verona, 24-26 gennaio 2002, a c. di G. Avezzù, Stuttgart-Weimar 2003, pp. 59-68.
F. De Martino, Sofocle `stravagante’, in Shards from Kolonos: studies in Sophoclean fragments, edited by A.H. Sommerstein, Bari 2003, pp. 435-464.
J. March, Sophocles’ “Tereus” and Euripides’ “Medea”, in Shards from Kolonos: studies in Sophoclean fragments, edited by A.H. Sommerstein, Bari 2003, pp. 139-161.
M.P. Pattoni, Sofocle fr. 941 R.: testo e interpretazione, in Il dramma sofocleo: testo, lingua, interpretazione, Atti del Seminario Internazionale, Verona, 24-26 gennaio 2002, a c. di G. Avezzù, Stuttgart-Weimar 2003, pp. 223-252.

Metodi didattici: lezioni frontali.

Modalità d'esame

verifiche in itinere e colloquio.