Storia del teatro e dello spettacolo LT (i) (2008/2009)

Orario lezioni

Secondo semestre
Giorno Ora Tipo Luogo Note
giovedì 8.30 - 10.10 lezione Studio Studio Prof. Giuseppe Fornari  
venerdì 8.30 - 10.10 lezione Studio Studio Prof. Giuseppe Fornari  

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire metodi e strumenti di analisi del testo teatrale in una prospettiva di evoluzione storica e nel suo inscindibile rapporto con le pratiche sceniche di allestimento spettacolare e di recitazione.

Programma

Prerequisiti: conoscenze storiche e letterarie di base

Contenuto del corso: Aspetti della grande drammaturgia europea tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Il corso si propone di mettere in luce gli elementi più rilevanti della svolta che alcuni grandi autori della fase finale del XIX secolo e dell’inizio del successivo impongono alla drammaturgia europea, portando le strutture del teatro borghese ottocentesco verso un definitivo punto di crisi. Gli aspetti principali di questa nuova scrittura teatrale, considerata anche nel suo rapporto con il contemporaneo avvento della regia e con le nuove teorie e pratiche della recitazione, saranno analiticamente verificati attraverso la lettura di quattro opere emblematiche: Hedda Gabler di Henrik Ibsen; Sonata di fantasmi di August Strindberg; Tre sorelle di Anton Čechov; Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello.

Testi di riferimento:
1) Parte generale: R. Alonge, Nuovo manuale di storia del teatro. Quell’oscuro oggetto del desiderio, Torino, UTET, 2008.
2) Parte monografica: Testi teatrali: H. Ibsen, Hedda Gabler, Torino, Einaudi, 1997; A. Strindberg, Sonata di fantasmi, in Teatro da camera, Milano, Adelphi, 1980; A. Čechov, Tre sorelle, Torino, Einaudi, 1997; L. Pirandello, Sei personaggi in cerca d’autore, Milano, Garzanti, 2002 ( sta con Ciascuno a suo modo e Questa sera si recita a soggetto). Saggi critici: R. Alonge, Teatro e spettacolo nel secondo Ottocento, Roma - Bari, Laterza, 2004 (pp. 91-130); P. Szondi, Teoria del dramma moderno, Torino, Einaudi, 2000 (pp. 9-45; 107-112) e inoltre uno a scelta dei seguenti testi: F. Perrelli, Henrik Ibsen, un profilo, Bari, Edizioni di Pagina, 2006; L. Codignola, Strindberg o la forza di contraddirsi, Venezia, Marsilio, 1979; S. Leone, Il grande teatro di Čechov, Urbino, Quattro Venti, 1991; U. Artioli, Pirandello allegorico. I fantasmi dell’immaginario cristiano, Roma – Bari, Laterza, 2001.
Nota bene: gli studenti non frequentanti dovranno studiare anche un secondo testo tra quelli a scelta.

Metodi didattici: lezioni frontali.

Modalità d'esame

colloquio orale