Storia del teatro e dello spettacolo LT (i) (2009/2010)

Codice insegnamento
4S02188
Docente
Nicola Pasqualicchio
Coordinatore
Nicola Pasqualicchio
crediti
6
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
L-ART/05 - DISCIPLINE DELLO SPETTACOLO
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
II semestre dal 22-feb-2010 al 5-giu-2010.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire agli studenti metodi e strumenti di comprensione del teatro come fenomeno estetico e di lettura dell’evento spettacolare in riferimento alle linee evolutive della storia dello spettacolo e al contesto culturale di appartenenza, privilegiando teorie e pratiche del XX secolo.

Programma

Prerequisiti: nessuno

Contenuto del corso: Tra scena e utopia.: teorie e prassi di un nuovo teatro nel primo Novecento. Argomento del corso è la rivoluzione dell’estetica teatrale all’inizio del Novecento, che mette in discussione in modo radicale il concetto stesso di rappresentazione, la centralità del testo, il ruolo dell’attore, mentre postula la necessità della nuova figura del regista, demiurgo di un evento scenico profondamente rinnovato nella sua struttura e nel suo rapporto con la cultura e la vita. Si esamineranno in particolare le teorie dei cosiddetti “riteatralizzatori” (Fuchs, Appia, Craig) e i manifesti teorici e le pratiche sceniche delle avanguardie, per concludere infine con una più approfondita analisi degli scritti sul teatro di Antonin Artaud, imprescindibile punto di riferimento per la ricerca teatrale del secondo Novecento.

Testi di riferimento:
1) Parte generale: R. Alonge, Nuovo manuale di storia del teatro. Quell’oscuro oggetto del desiderio, Torino, UTET, 2008 ( i capitoli dall’1 al 4, pp. 3-74, e dall’8 al 14, pp. 167-265).
2) Parte monografica: R. Tessari, Teatro e avanguardie storiche, Roma-Bari, Laterza, 2005; U. Artioli ( a cura di ), Il teatro di regia. Genesi ed evoluzione, Roma, Carocci, 2004 ( pp. 69-127; 155-171), A. Artaud, Il teatro e il suo doppio, Torino, Einaudi, 1972 ( o edizioni successive).

Nota bene. Gli studenti non frequentanti dovranno inoltre studiare un testo a scelta tra i seguenti:
F. Marotti, Amleto o dell’oxymoron. Studi e note sull’estetica della scena moderna, Roma, Bulzoni, 2001; U. Artioli, Il ritmo e la voce. Alle sorgenti del teatro della crudeltà, Roma- Bari, Laterza, 2005; F. Ruffini, Craig, Grotowski, Artaud. Teatro in stato d’invenzione, Roma-Bari, Laterza, 2009; S. Pietrini, L’arte dell’attore dal Romanticismo a Brecht, Roma-Bari, Laterza, 2009. È opportuno che i non frequentanti contattino il docente prima di iniziare la preparazione dell’esame.

Metodi didattici: lezioni frontali.

Modalità d'esame

esame orale