Museologia e storia dell'arte veneta (2010/2011)

Codice insegnamento
4S02136
Crediti
12
Coordinatore
Alessandra Zamperini
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
MUSEOLOGIA (I) I MODULO 6 L-ART/04-MUSEOLOGIA E CRITICA ARTISTICA E DEL RESTAURO Secondo semestre Cristina Beltrami
STORIA DELL'ARTE VENETA (P) II MODULO 6 L-ART/02-STORIA DELL'ARTE MODERNA Secondo semestre Alessandra Zamperini

Obiettivi formativi

Modulo: STORIA DELL'ARTE VENETA (P) II MODULO
-------
Le lezioni mirano a offrire allo studente alcuni strumenti conoscitivi e metodologici per accostare l’arte veneta del Quattro e del Cinquecento, sia dal punto di vista dell’evoluzione formale, sia da quello iconografico e iconologico.


Modulo: MUSEOLOGIA (I) I MODULO
-------
conoscenza generale dei fenomeni di collezionismo, prevalentemente artistico, pubblici e privati; ‘lettura’ di un museo.

Programma

Modulo: STORIA DELL'ARTE VENETA (P) II MODULO
-------
Prerequisiti: non necessari; tuttavia si ritiene utile la conoscenza dei lineamenti di base della storia dell’arte moderna del Quattro e del Cinquecento (si consiglia – per una maggior dimestichezza con gli argomenti – di preparare l’esame dopo aver sostenuto i moduli introduttivi di Storia dell’Arte Moderna).

Contenuto del corso: il corso si propone di tracciare un profilo dell’arte veneta nelle sue manifestazioni più significative del XV e del XVI secolo, con particolare attenzione a quanto accade a Venezia, senza tuttavia trascurare gli episodi più rilevanti dell’entroterra (Padova e Verona).

Argomenti trattati a lezione (che saranno oggetto dell’esame):
- La prima metà del Quattrocento a Venezia: da Gentile da Fabriano ad Antonio Vivarini
- La prima metà del Quattrocento nell’entroterra: Pisanello; l’esperienza padovana
- la seconda metà del Quattrocento a Venezia: Jacopo, Gentile e Giovanni Belini
- la seconda metà del Quattrocento a Padova: Andrea Mantegna
- La scultura quattrocentesca
- La stagione del Cinquecento: Giorgione, Tiziano, Tintoretto, Veronese
- La scultura del Cinquecento

Testi di riferimento:
I testi di riferimento verranno indicati nel corso delle lezioni e, in contemporanea, verranno segnalati sul sito.

NB: tutti i testi citati saranno comunque reperibili nella Biblioteca Frinzi e in quella del Dipartimento di Tempo, Immagine, Spazio e Società.

Metodi didattici: lezioni frontali in aula accompagnate dalla proiezione di immagini e dall’analisi dei testi.


Modulo: MUSEOLOGIA (I) I MODULO
-------
Prerequisiti: non necessari (si consiglia tuttavia di preparare l’esame dopo aver sostenuto i moduli introduttivi di Storia dell’arte medioevale, moderna e contemporanea).

Contenuto del corso: Lineamenti di museologia e storia del collezionismo. Il modulo analizza le principali dinamiche connesse alla formazione delle raccolte d’arte pubbliche e private, dei meccanismi di gestione delle stesse e di conservazione delle opere, anche alla luce del dibattito critico e storiografico, nonché delle variabili commerciali cui furono oggetto nei secoli (con particolare riferimento all’area italiana dal Medioevo al contemporaneo).

Testi di riferimento: il quadro generale dall’umanesimo all’età contemporanea si ricava da C. De Benedictis, Per la storia del collezionismo italiano. Fonti e documenti, Ponte alle Grazie, 2001, e A. Mottola Molfino, Il libro dei musei, Umberto Allemandi, 1998. Una lettura d’attualità vivamente consigliata, per quanto obbligatoria solo per i non frequentanti, è quella di S. Settis, Italia S.p.A. L’assalto al patrimonio culturale, Einaudi, 2002, e, dello stesso Settis, la Premessa a Battaglie senza eroi. I beni culturali tra istituzioni e profitto, Electa, 2005, pp. 13-27.
+ Daniele Del Giudice, Nel museo di Reims, Einaudi, 2010

Avvertenza: gli studenti che seguono un indirizzo archeologico-antichistico possono eventualmente sostituire i testi di C. De Benedictis con le seguenti letture: M.L. Gualandi, L’antichità classica, Roma, Carocci, 2001 (“Le fonti per la storia dell’arte”, I), Capitolo VIII (Il possesso e la conservazione delle opere d’arte) e le appendici relative, pp. 113-135, 485-544; G. Gualandi, Dallo scavo al museo, in I musei, a cura di A. Emiliani, Touring Club Italiano, 1980 (“Capire l’Italia”, IV), pp. 81-119.

Metodi didattici: lezioni frontali con ausilio di power point e filmati; conferenze; visite esterne a musei, gallerie e collezioni.

Modalità d'esame

Modulo: STORIA DELL'ARTE VENETA (P) II MODULO
-------
prova orale.


Modulo: MUSEOLOGIA (I) I MODULO
-------
il modulo prevede una prova scritta di carattere orientativo sulla base dei testi indicati in bibliografia; il tempo concesso per l’elaborato è di un’ora. Seguirà una breve verifica orale, in cui si discuterà della prova scritta e di almeno due musei scelti e visitati recentemente e con nuova consapevolezza e competenza (e possibilmente che almeno uno dei due abbia attinenza con la storia dell'arte e sia di livello quanto meno nazioale).