Storia dell'arte moderna (i+p) (2013/2014)

Codice insegnamento
4S02161
Crediti
12
Coordinatore
Enrico Dal Pozzolo
Altri corsi di studio in cui è offerto
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
I MODULO PARTE (I) 6 L-ART/02-STORIA DELL'ARTE MODERNA I semestrino A Enrico Dal Pozzolo
II MODULO PARTE (P) 6 L-ART/02-STORIA DELL'ARTE MODERNA I semestrino B Enrico Dal Pozzolo

Obiettivi formativi

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
conoscenza generale dei principali fenomeni nel campo dell’arte moderna, sia dal punto di vista teorico e metodologico sia da quello di un approccio concreto alla lettura dell’opera.


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
attraverso la focalizzazione della figura problematica di Giorgione e della sua controversa produzione figurativa, il corso di propone di evidenziare la complessità dell’operazione critica storico-artistica, soffermandosi su aspetti di metodo e interrelazioni disciplinari.

Programma

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
Prerequisiti: non necessari. Si suggerisce tuttavia di preparare l’esame dopo aver sostenuto i corsi di Storia dell’arte medioevale e di Storia Moderna.

Contenuto del corso. Viene offerta una panoramica sui principali sviluppi artistici in area italiana tra l’inizio del XV secolo (primo Rinascimento) e la fine del XVIII (Neoclassicismo). Non essendo possibile un’analisi dettagliata dei tanti aspetti compresi in tale arco temporale, si proporranno alcune letture esemplari, con aperture legate al gusto, al collezionismo e ai contesti culturali in senso generale, in una prospettiva di riflessione anche metodologica.

Testi di riferimento:
Il manuale indicato è quello di V. Terraroli, Arte, Skira-Bompiani, 2012: vol. 3 (Il Rinascimento dall’Umanesimo fiorentino al Manierismo europeo) pp. 1-393; vol. 4 (L’Europa moderna dal Barocco all’Impressionismo), fino a p. 219. Va integrato con: F. Zeri, Dietro l’immagine. Conversazioni sull’arte di leggere l’arte, Longanesi, 1987, e A. Pinelli, La storia dell’arte. Istruzioni per l’uso, Laterza, 2011. Si richiede espressamente la memorizzazione delle immagini contenute nei testi, che saranno oggetto di prova d’esame. NB: per coloro che al liceo non avessero studiato storia dell’arte è vivamente consigliata la lettura preliminare de La storia dell’arte raccontata da E. Gombrich, Einaudi (varie edizioni).

Avvertenza 1: affinché il corso sia proficuo, si raccomanda agli studenti di integrare lo studio dei testi indicati con la visita personale a musei e chiese, consultando guide attendibili (ad esempio le cosiddette Guide rosse del Touring Club Italiano). E’ fondamentale una conoscenza personale del maggior numero possibile di opere d’arte. Per un loro inquadramento ci si può riferire anche a collane come “I classici dell’arte” Rizzoli, “I maestri del colore” e “I maestri della scultura” Fabbri.
Avvertenza 2: per agevolare l’apprendimento nei termini di un approccio attivo e concreto alla lettura dell’opera si raccomanda la frequentazione dei Seminari che verranno organizzati a partire dall’inizio di ogni semestre e di cui si potranno avere informazioni dettagliate via web e nel corso della prima lezione.

Metodi didattici: lezioni frontali con ausilio di diapositive e, se possibile, visite museali.


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
Prerequisiti: è necessario aver sostenuto la parte introduttiva dell’esame.

Contenuto del corso: Giorgione. Vicenda storiografica, contesto culturale, analisi delle opere. Nello specifico si affronteranno i seguenti aspetti: 1. Introduzione generale e vicenda critica; 2. Analisi dei documenti e delle fonti principali (entro il XVII secolo); 3. Panoramica sul contesto artistico e culturale veneziano tra ‘400 e ‘500; 4. Analisi della produzione giorgionesca; 5. Evoluzione della percezione della figura e dell’opera di Giorgione nella storiografia e nell’emulazione artistica successiva.

Testi di riferimento: gli studenti possono preparare l’esame scegliendo una delle due seguenti opzioni:
- Enrico Maria Dal Pozzolo, Giorgione, 24Ore Cultura, Milano, 2009 (nb: gli studenti Erasmus possono adottare anche l’edizione in inglese o quella in francese); Enrico Maria Dal Pozzolo, La barba di Giorgione, in Giorgione. Catalogo della mostra (Castelfranco Veneto, Museo Casa Giorgione, 12 dicembre 2009 – 11 aprile 2010), a cura di E.M. Dal Pozzolo e L. Puppi, Skira, Milano, 2009, pp. 207-224. NB: a causa dell’elevato costo del primo volume sarà messa a disposizione – presso la copisteria Centro Copia in via San Francesco 16/a una dispensa con i testi principali, senza però le immagini, che andranno quindi – in ogni caso – studiate e memorizzate attraverso i volumi ampiamente disponibili nelle biblioteche cittadine, a partire da quella del dipartimento Tesis.
- Giorgione. Catalogo della mostra (Castelfranco Veneto, Museo Casa Giorgione, 12 dicembre 2009 – 11 aprile 2010), a cura di E.M. Dal Pozzolo e L. Puppi, Skira, Milano, 2009; Le vie di Giorgione nel Veneto. Ambienti, opere, memorie, a cura di L. Puppi, E.M. Dal Pozzolo, G. Fossaluzza, Milano, 2009.

Metodi didattici: lezioni frontali con ausilio di diapositive, filmati e visite esterne.

Modalità d'esame

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
il modulo prevede una prova scritta suddivisa in tre parti. La prima consiste (a) in una domanda su un tema specifico (un’opera, un artista, una scuola, un fenomeno ecc.) i cui dati si ricavano dal manuale. Il tempo concesso per l’elaborato è di un’ora. Seguirà una domanda più breve attinente ai testi di Pinelli e di Zeri, per la quale si avrà a disposizione mezz’ora (b). Si precisa che queste due prove verranno valutati non solo i contenuti, ovviamente fondamentali, ma anche la forma espositiva e il rispetto delle regole ortografiche e grammaticali. La terza parte (c) consiste in una prova di riconoscimento di venti immagini tratte dal manuale e dai testi di Pinelli e Zeri, ognuna proiettata per il tempo di un minuto: bisognerà indicare l’autore dell’opera, il tema rappresentato, la data (o il periodo, se la data non è certa) di esecuzione e – se possibile - il luogo di ubicazione dell’opera. Per ottenere un voto positivo (18 o superiore) è necessario che le risposte ai primi due quesiti (a, b) siano considerate sufficienti e che si riconoscano almeno dieci delle venti immagini proiettate.

NB: per le modalità di preparazione dell’esame e per un’esemplificazione della prova scritta si forniranno indicazioni nel corso della prima lezione: pertanto si consiglia anche ai non frequentanti di parteciparvi.


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
il modulo prevede una prova scritta suddivisa in tre parti. La prima (a) consiste in una domanda più ampia su un tema specifico i cui dati si ricavano da uno dei testi in programma. Il tempo concesso per l’elaborato è di un’ora. Seguirà una domanda più breve (b), per la quale si avrà a disposizione mezz’ora. Si precisa che queste due prove verranno valutati non solo i contenuti, ovviamente fondamentali, ma anche la forma espositiva e il rispetto delle regole ortografiche e grammaticali. La terza parte (c) consiste in una prova di riconoscimento di venti immagini tratte dai testi in programma, ognuna proiettata per il tempo di un minuto: bisognerà indicare l’autore dell’opera, il tema rappresentato, la data (o il periodo, se la data non è certa) di esecuzione e – se possibile - il luogo di ubicazione dell’opera. Per ottenere un voto positivo (18 o superiore) è necessario che le risposte ai primi due quesiti (a, b) siano considerate sufficienti e che si riconoscano almeno dieci delle venti immagini proiettate.