Letteratura spagnola per l'editoria (m) (2013/2014)

Codice insegnamento
4S02888
Docente
Antonella Gallo
Coordinatore
Antonella Gallo
crediti
6
Settore disciplinare
L-LIN/05 - LETTERATURA SPAGNOLA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
II semestrino A, II semestrino B

Orario lezioni

II semestrino A
Giorno Ora Tipo Luogo Note
giovedì 17.20 - 19.00 lezione Aula 1.1  
venerdì 17.20 - 19.00 lezione Aula 1.2  
II semestrino B
Giorno Ora Tipo Luogo Note
giovedì 17.20 - 19.00 lezione Aula 1.1  
venerdì 17.20 - 19.00 lezione Aula 1.2  

Obiettivi formativi

Dopo una breve introduzione al contesto storico-letterario della Iª metà dell’Ottocento, il corso intende analizzare lo sviluppo del mercato librario e la diffusione della stampa periodica, e, in particolare, si propone di individuare le peculiarità del nascente giornalismo spagnolo in epoca romantica attraverso lo studio dei tre più importanti scrittori costumbristi dell’epoca (M. J. de Larra, R. de Mesonero Romanos, S. Estébanez Calderón). Il costumbrismo, tra le manifestazioni più autentiche ed importanti del romanticismo spagnolo, anche per quanto riguarda le arti visive, giocò un ruolo fondamentale nello sviluppo identitario del paese e nella conseguente dialettica tra le emergenti letterature nazionali europee, dando voce a problematiche, inquietudini e ideali, legati ad un’epoca passata, ma ancora di sorprendente attualità.

Programma

Il programma d’esame si compone di tre parti: 1) Storia della letteratura; 2) Testi; 3) Bibliografia critica. Non è possibile sostenere una sola parte dell’esame poiché l’insegnamento è concepito come un unico modulo. Il programma vale anche per gli studenti non frequentanti che, in caso di dubbi, sono invitati a contattare la docente dal proprio account di posta elettronica istituzionale. Tutti i testi in programma sono reperibili presso la Biblioteca di Romanistica o la Biblioteca Frinzi.

1) Storia della letteratura
L’esame prevede la conoscenza della storia, cultura e letteratura spagnola della Iª metà dell’Ottocento (Romanticismo spagnolo), con particolare riguardo al costumbrismo, agli autori in programma, al mercato editoriale e librario.

Manuali di Storia della letteratura (uno a scelta):
L’età moderna delle letteratura spagnola: l’Ottocento, a cura di M.G. Profeti, Firenze, La Nuova Italia, 2000 (pp. 3-57 e pp. 175-201);
Historia de la literatura española, (dir.) V. García de la Concha, Siglo XIX (vol. 8, coord. G. Carnero), Madrid, Espasa Calpe, 1996 (pp. 28-59 e pp. 153-224).

2) Testi
L’esame comporta la lettura di una scelta antologica di “artículos de costumbres”, cinque per ogni autore (Mariano José de Larra, Ramón de Mesonero Romanos, Serafín Estébanez Calderón). Si consigliano le seguenti edizioni, corredate da una buona introduzione e note esplicative:

M. J. De Larra, Artículos, ed. de Enrique Rubio, Madrid, Cátedra, 1993.
M. J. De Larra, Artículos varios, ed. de E. Correa Calderón, Madrid, Castalia, 1989.
R. de Mesonero Romanos, Escenas y tipos matritenses, ed. de E. Rubio Cremades, Madrid, Cátedra, 1993.
S. Estébanez Calderón, Escenas andaluzas, ed. de A. González Troyano, Madrid, Cátedra, 1985.

3) Bibliografia critica:
Cinque saggi a scelta tra quelli contenuti nel seguente volume:

Romanticismo 6. El costumbrismo romántico, Actas del VI Congreso del “Centro internacional de Estudios sobre el Romanticismo hispánico” (Napoli, 27-30 marzo de 1990), Roma, Bulzoni, 1996 (disponibile anche in versione digitale nel sito della “Biblioteca Virtual Miguel de Cervantes”, http://www.cervantesvirtual.com/bib/portal/romanticismo/menu/roman_seis.html).

Altra bibliografia critica di riferimento, ma non obbligatoria:

Historia y crítica de la literatura española, (dir.) F. Rico. Romanticismo y realismo (vol 5 e 5/1, coord. I.M. Zavala), Barcelona, Crítica, 1982 e 1994.
L. Romero Tobar, Panorama crítico del romanticismo español, Madrid, Castalia, 1994 (pp. 397-460).
R. Navas Ruiz, El romanticismo español, 4ª ed. renovada, Madrid, Cátedra, 1990.
J. F. Montesinos, Costumbrismo y novela. Ensayo sobre el redescubrimiento de la realidad española, Madrid, Castalia, 1960.
S. Kirkpatrick, Larra: el laberinto inextricable de un romántico liberal, versión española de M. Eguía, Madrid, Gredos, 1977.
G. Bellini, L’opera di Larra e la Spagna del primo Ottocento, Milano, Goliardica, 1962.
M. J. De Larra, Il poveraccio parlatore e altri scritti, introduzione di D. Puccini, scelta e traduzione di M. Puccini, Torino, Utet, 1981.
Vida y obra de D. Serafín Estébanez Calderón “El Solitario”, edición, prólogo y notas de D. Jorge Campos, Madrid, Atlas, 1955, 2 voll.

Ulteriore bibliografia d’approfondimento sarà indicata durante il corso.

Modalità d'esame

Esame orale. Per gli studenti frequentanti è prevista la possibilità di presentare, prima dell’esame orale, un breve elaborato scritto (10 cartelle), su di un argomento concordato con la docente, in sostituzione di una parte dell’esame e il cui voto corrisponderà ad un terzo della votazione complessiva. Per ovvie ragioni, si consiglia di sostenere l’esame una volta acquisita una competenza linguistica di spagnolo pari almeno al livello B1.