Storia contemporanea (i+p) (2014/2015)

Codice insegnamento
4S02147
Crediti
12
Coordinatore
Renato Camurri
Altri corsi di studio in cui è offerto
Altri corsi di studio in cui è offerto
Altri corsi di studio in cui è offerto
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
I MODULO PARTE (I) 6 M-STO/04-STORIA CONTEMPORANEA semestrino IA, Semestrino IB Renato Camurri
II MODULO PARTE (P) 6 M-STO/04-STORIA CONTEMPORANEA Semestrino IIA, Semestrino IIB Renato Camurri

Obiettivi formativi

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
Obiettivi formativi:

Il corso punta a fornire una conoscenza dei principali avvenimenti della storia politica italiana e europea dal 1848 al 1914. A termine del corso lo studente acquisisce gli strumenti metodologici per interpretare le diverse fasi che segnano su scala europea i processi di formazione degli stati nazionali, il consolidamento dei regimi liberali e la loro crisi.


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
Obiettivi formativi: Il corso punta a fornire una conoscenza dei principali avvenimenti della storia politica italiana ed europea dal 1914 al 1961. Il corso intende offrire agli studenti le conoscenze per analizzare le principali dinamiche politiche e culturali che accompagnano la lunga “guerra civile europea” e la divisione del mondo in due blocchi contrapposti nel secondo dopoguerra.

Programma

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
Contenuto del corso:

L’Italia nel “lungo” Ottocento europeo. Il processo di formazione dello stato italiano verrà collocato nel più generale quadro delle grandi trasformazioni che segnano su scala europea il periodo delle cosiddette “rivoluzioni borghesi” che dopo la crisi delle società di antico regime, segnano la nascita e l’affermazione del liberalismo su scala continentale.

I riferimento al concetto di lungo Ottocento intende sottolineare il legame esistente tra le rivoluzioni (americane e francese) e la prima guerra mondiale: in questo arco cronologico prendono forma tutte le principali idee (come libertà, democrazia, diritti individuali) che accompagnano le società europee verso la modernità.


Bibliografia

1. un volume a scelta tra: T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea, I, L’ottocento, Bruno Mondadori, 2000 (capitoli 4-18), R. Romanelli, Ottocento. Lezioni di storia contemporanea, Il Mulino, 2011.


2. un libro a scelta tra i seguenti:

A.M. Banti, Il risorgimento italiano, Laterza, 2014 (o altre edizioni)
F. Cammarano, Storia dell’Italia liberale, Laterza, 2011.
E. Cecchinato, Camicie rosse. I garibaldini dall’unità alla Grande Guerra, Laterza, 2007.
M. Isabella, Il Risorgimento in esilio. L’internazionale liberale e l’età delle rivoluzioni, Laterza, 2011.
A. Roccucci (a cura di), La costruzione dello Stato-nazione in Italia, Viella, 2012.

I non frequentanti dovranno aggiungere alla bibliografia sopraindicata un testo a scelta tra i seguenti:

a) M.L. Salvadori, L’Italia e i suoi tre Stati, Laterza, 2011.
b) P. Macry, Unità a Mezzogiorno. Come l’Italia ha messo assieme i pezzi, Il Mulino, 2012.


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
Prerequisiti: conoscenze generali della storia europea del periodo 1900-1961, ricavabili dalla lettura di un qualsiasi manuale.

Contenuto del corso: La guerra civile europea e le sue conseguenze (1914-1961).

La crisi della democrazia europea che si manifesta in tutta la sua virulenza nel corso degli anni '20, ha origini lontane. Il corso intende analizzare i passaggi-chiave di questa crisi partendo dalla catastrofe della prima guerra mondiale che muta completamente lo scenario politico europeo. La parte dedicata al primo dopoguerra non sarà incentrata solo sulle forti tensioni e sulla diffusa violenza che in tutto il continente segna la ripresa della vita politica, ma anche all’analisi dei fermenti culturali che segnano quegli anni, in campo artistico, musicale, teatrale, letterario e filosofico. In parallelo all’analisi di questi fenomeni, ci soffermeremo sui processi che portano alla nascita degli esperimenti totalitari in Italia e in Germania. L’ultima parte del corso sarà dedicata alla situazione che si apre nel secondo dopoguerra con l’inizio della guerra fredda.


Bibliografia

1. un volume a scelta tra: T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea, II, Il novecento, Bruno Mondadori, 2002, A.M. Banti, L’Età contemporanea. Dalla Grande Guerra a oggi, Laterza, 2011.


2. un libro a scelta tra i seguenti:

M. Isnenghi, Il mito della grande guerra, Il Mulino (varie edizioni).
E. Traverso, A ferro e a fuoco. La guerra civile europea (1914-1945), Il Mulino, 2007.
J. Chapoutot, Controllare e distruggere. Fascismo, nazismo e regimi autoritari in Europa (1928-1945), Einaudi, 2015.
F. Romero, Storia della guerra fredda. L’ultimo conflitto per l’Europa, Einaudi, 2009.

I non frequentanti dovranno aggiungere alla bibliografia sopraindicata un testo a scelta tra i seguenti:

a. E. Traverso, Il totalitarismo, Bruno Mondadori, 2002.
b. R. Overy, Crisi tra le due guerre mondiali, il Mulino, 1998.



Metodi didattici: lezioni frontali, attività seminariali.
Particolarmente importante ai fini dell’approfondimento di alcune tematiche affrontate nel corso, può risultare la partecipazione al ciclo di conferenze La guerra degli italiani (febbraio-maggio 2015) e al seminario Lessico della Grande Guerra (marzo-maggio 2015)

Modalità d'esame

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
Modalità di valutazione: prova scritta (salvo diversa indicazione del docente)

Si segnala che, pur costituendo due moduli separati, il corso è propedeutico alla frequenza di Storia contemporanea (p) che si svolgerà nel secondo semestre e che sarà dedicato al tema della Grande Guerra.


Erasmus and overseas students attending classes. Erasmus and overseas student can choose between written and oral examination. They can use books in foreign languages (English, French and Spanish).
For more details: contact the teacher during his office hours.


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
Modalità di valutazione: prova scritta (salvo diversa indicazione del docente)