Filologia latina (m) (2014/2015)

Codice insegnamento
4S02281
Docente
Renata Raccanelli
Coordinatore
Renata Raccanelli
crediti
6
Settore disciplinare
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Semestrino IIA, Semestrino IIB

Orario lezioni

Semestrino IIA
Giorno Ora Tipo Luogo Note
giovedì 11.50 - 13.30 lezione Aula 1.2  
venerdì 11.50 - 13.30 lezione Aula 1.2  
Semestrino IIB
Giorno Ora Tipo Luogo Note
giovedì 11.50 - 13.30 lezione Aula 1.2  
venerdì 11.50 - 13.30 lezione Aula 1.2  

Obiettivi formativi

L’insegnamento si propone di affrontare la lettura di un testo plautino, con riferimento ai principi di critica testuale, alle problematiche della trasmissione dei testi classici e alla riflessione sugli approcci critici allo studio della palliata.

Programma

Prerequisiti: conoscenze progredite della lingua latina.

Contenuto del corso: Lettura di Plauto, Curculio.

Testi di riferimento:
1. Titus Maccius Plautus, Curculio, edidit S. Lanciotti, Sarsinae et Urbini 2008.
Plauto, Curculio, a cura di Giusto Monaco, Palermo 1987 (2. ed. riv. e corretta).


2.Letture da:
R.Raffaelli, A.Tontini (a cura di), Lecturae Plautinae Sarsinates VIII. Curculio, Urbino 2005.
C.Questa, R.Raffaelli, Dalla rappresentazione alla lettura, in G.Cavallo, P.Fedeli, A.Giardina (a cura di), Lo spazio letterario di Roma antica, vol. III, Roma 1990, pp. 139-215.
S. Mariotti, Scritti di filologia classica, Roma 2000.

Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno proposte durante le lezioni.

N.B. Gli studenti non frequentanti sono invitati a rivolgersi alla docente per concordare letture integrative.

Metodi didattici: lezioni frontali ed esercitazioni.

Modalità d'esame

colloquio orale condotto in parte direttamente sul testo latino.

N.B. È obbligatorio superare la prova scritta di traduzione dal latino prima della registrazione di qualsiasi esame del settore L-FIL-LET/04 (Letteratura latina, Filologia latina, Grammatica latina, Storia della lingua latina) che consenta di arrivare al totale dei 24 crediti nel settore necessari per l’accesso all’insegnamento nelle attuali classi ministeriali 51/A e 52/A. Tale prova scritta è propedeutica all’esame suddetto e quindi non dà luogo a crediti.