Musica e media (m) (2015/2016)

Codice insegnamento
4S003573
Docente
Vincenzo Borghetti
Coordinatore
Vincenzo Borghetti
crediti
6
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
L-ART/07 - MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Semestrino IIA, Semestrino IIB

Orario lezioni

Semestrino IIA
Giorno Ora Tipo Luogo Note
giovedì 14.00 - 15.40 lezione Aula 2.1  
venerdì 11.50 - 13.30 lezione Aula 2.1  
Semestrino IIB
Giorno Ora Tipo Luogo Note
giovedì 14.00 - 15.40 lezione Aula 2.1  
venerdì 11.50 - 13.30 lezione Aula 2.1  

Obiettivi formativi

il corso ha l’obiettivo di presentare i metodi e fornire gli strumenti per lo studio della musica nei media, cioè delle tecnologie usate per fissare, trasmettere, leggere, ascoltare la musica nel mondo occidentale dal Medioevo all’era digitale.

NB le lezioni inizieranno giovedì 3 marzo

Programma

Scrivere, leggere, ascoltare la musica dal Medioevo all’era digitale. Il corso propone una storia della musica attraverso lo studio dei suoi media, delle loro caratteristiche materiali e tecnologiche, dei loro usi, dei loro aspetti sociali, culturali e ideologici a partire dalle forme più antiche di mediatizzazione documentabili (manoscritti, stampe) fino alle più recenti (i media audiovisivi dell’era digitale). Tutte queste diverse e cronologicamente distanti modalità di conservazione/trasmissione/fruizione della musica saranno analizzate non come supporti „neutri“ di un contenuto musicale rilevante, ma come media complessi, le cui componenti materiali, testuali, sonore, visive, e paratestuali contribuiscono a determinarne il significato, la funzione a indirizzare la ricezione del contenuto stesso.

Testi di riferimento:
(i testi e i video di riferimento sono posseduti dalle biblioteche di Ateneo; il materiale contrassegnato dal simbolo * è disponibile sulla piattaforma e-learning)

- appunti dalle lezioni;
– NICHOLAS COOK, “Musica: una breve introduzione”, EDT, Torino 2005, pp. 1-45;
- MASSIMILANO LOCANTO, “Oralità, memoria e scrittura nella prima tradizione del canto gregoriano”, in “La scrittura come rappresentazione del pensiero musicale”, a cura di Gianmario Borio, ETS, Pisa 2004, pp. 31-87;
- CARLO FIORE, “Introduzione”, in “Il libro di musica”, a cura di Carlo Fiore, L’Epos, Palermo 2004, pp. 9-17;
- VINCENZO BORGHETTI, “Il manoscritto di musica tra Quattro e Cinquecento”, in “Il libro di musica”, a cura di Carlo Fiore, L’Epos, Palermo 2004, pp. 89-114;
- STANLEY BOORMAN, “I primi stampatori musicali”, in “Il libro di musica”, a cura di Carlo Fiore, L’Epos, Palermo 2004, pp. 115-136;
- TIM CARTER, “L’editoria musicale tra Cinque e Seicento”, in “Il libro di musica”, a cura di Carlo Fiore, L’Epos, Palermo 2004, pp. 137-162;
– * EMANUELE SENICI, “Il video d’opera “dal vivo”: testualizzazione e liveness nell’era digitale”, «Il Saggiatore musicale», 2009/2, pp. 272-312;
– EMANUELE SENICI, “L’opera e la nascita della televisione italiana”, «Comunicazioni sociali», 2011/1, pp. 26-35;
- JACQUES HAINS, “Dal rullo di cera al CD”, in “Enciclopedia della musica”, diretta da Jean-Jacques Nattiez, vol. 1, “Il Novecento”, Einaudi, Torino 2001, pp. 783-819;
- GIANNI SIBILLA, “Musica e media digitali. Tecnologie. Linguaggi e forme sociali dei suoni dal walkman all’iPod”, Bompiani, Milano 2008, pp. 9-74 e 88-101;

Video di riferimento

- JOHN LA BOUCHARDIÈRE, “The Full Monteverdi”, dvd Naxos (2.110224) 2007;

il materiale contrassegnato dal simbolo (*) è disponibile sulla piattaforma e-learning;

ulteriore bibliografia potrà essere eventualmente segnalata nel corso delle lezioni.

NB: il corso non prevede bibliografia integrativa per i non frequentanti.

Modalità d'esame

esame scritto.

Opinione studenti frequentanti - 2015/2016