Storia dell'arte moderna (i+p) - I MODULO PARTE (I) (2016/2017)

Codice insegnamento
4S02161
Docente
Enrico Dal Pozzolo
crediti
6
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. IIA dal 27-feb-2017 al 22-apr-2017.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

Sem. IIA
Giorno Ora Tipo Luogo Note
martedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 1.1  
mercoledì 10.10 - 11.50 lezione Aula 1.1  
giovedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 1.1  

Obiettivi formativi

Conoscenza generale dei principali fenomeni nel campo dell’arte moderna, sia dal punto di vista teorico e metodologico sia da quello di un approccio concreto alla lettura dell’opera.

Programma

Prerequisiti: non necessari. Si suggerisce tuttavia di preparare l’esame dopo aver sostenuto i corsi di Storia dell’arte medioevale e di Storia Moderna.

Contenuto del corso: Viene offerta una panoramica sui principali sviluppi artistici in area italiana tra l’inizio del XV secolo (primo Rinascimento) e la fine del XVIII (Neoclassicismo). Non essendo possibile un’analisi dettagliata dei tanti aspetti compresi in tale arco temporale, si proporranno alcune letture esemplari, con aperture legate al gusto, al collezionismo e ai contesti culturali in senso generale, in una prospettiva di riflessione anche metodologica.

Testi di riferimento: Il manuale indicato è quello di V. Terraroli, Arte, Skira-Bompiani, 2012: vol. 3 (Il Rinascimento dall’Umanesimo fiorentino al Manierismo europeo) pp. 1-393; vol. 4 (L’Europa moderna dal Barocco all’Impressionismo), fino a p. 219. Va integrato con A. Pinelli, La storia dell’arte. Istruzioni per l’uso, Laterza, 2011 (o altre edizioni: vanno bene le più economiche) e con G. Sciolla, Studiare l’arte. Appunti sul metodo storico-artistico, Utet, 2001. Si richiede espressamente la memorizzazione delle immagini contenute nei testi, che saranno oggetto di prova d’esame. NB: per coloro che al liceo non avessero studiato storia dell’arte è vivamente consigliata la lettura preliminare de La storia dell’arte raccontata da E. Gombrich, Einaudi (varie edizioni).

Avvertenza 1: affinché il corso sia proficuo, si raccomanda agli studenti di integrare lo studio dei testi indicati con la visita personale a musei e chiese, consultando guide attendibili (ad esempio le cosiddette Guide rosse del Touring Club Italiano) e magari ascoltando le puntate relative alle opere del periodo prese in esame nel programma radiofonico “Museo Nazionale Radio 3” (facilmente recuperabili sul web). È fondamentale una conoscenza personale del maggior numero possibile di opere d’arte, anche grazie alla consultazione di vecchie collane come “I classici dell’arte” Rizzoli, “I maestri del colore” e “I maestri della scultura” Fabbri.
Avvertenza 2: per agevolare l’apprendimento nei termini di un approccio attivo e concreto alla lettura dell’opera si raccomanda la frequentazione dei Seminari di introduzione alla Storia dell’arte organizzati a partire dall’inizio di ogni semestre e di cui si potranno avere informazioni via web e nel corso della prima lezione.

Metodi didattici: lezioni frontali con ausilio di diapositive e, se possibile, visite museali. Materiale disponibile su e-learning.

Modalità d'esame

Il modulo prevede una prova scritta suddivisa in tre parti. La prima consiste (a) in una prova di riconoscimento di venti immagini tratte dal manuale e dal testo di Pinelli, ognuna proiettata per il tempo di un minuto: bisognerà indicare l’autore dell’opera, il tema rappresentato, la data (o il periodo, se la data non è certa) di esecuzione e – se possibile - il luogo di ubicazione dell’opera. La seconda (b) consiste in una domanda su un tema specifico (un’opera, un artista, una scuola, un fenomeno ecc.) i cui dati si ricavano dal manuale. Il tempo concesso per l’elaborato è di 45 minuti. Seguirà una domanda più breve attinente ai testi di Pinelli e di Sciolla, per la quale si avranno a disposizione 25 minuti (c). Si precisa che in queste due prove (b e c) verranno valutati non solo i contenuti, ovviamente fondamentali, ma anche la forma espositiva e il rispetto delle regole ortografiche e grammaticali. Per ottenere un voto positivo (18 o superiore) è necessario che si riconoscano almeno dieci delle venti immagini proiettate e che le risposte ai quesiti (b e c) siano considerate sufficienti.
NB: per le modalità di preparazione dell’esame e per un’esemplificazione della prova scritta si forniranno indicazioni nel corso della prima lezione: pertanto si consiglia anche ai non frequentanti di parteciparvi.

Opinione studenti frequentanti - 2016/2017