Storia dell'Europa contemporanea (m) (2017/2018)

Codice insegnamento
4S02270
Docente
Renato Camurri
Coordinatore
Renato Camurri
crediti
6
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
M-STO/04 - STORIA CONTEMPORANEA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 2A, Sem. 2B

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Obiettivi formativi

Il corso punta a fornire una conoscenza approfondita della storia europea del periodo 1914-1945. E’ focalizzato sulla storia della prima Guerra Mondiale che viene affrontata da vari punti di vista: diplomatico, politico, militare, culturale, sociale, analizzando le origini del conflitto e l’andamento nei vari scenari di guerra. Particolare attenzione viene dedicata alla fase finale della guerra (1917-18) e alle conseguenze che essa produsse nei diversi contesti nazionali aprendo una lunga crisi e l’inizio della cosiddetta “guerra dei trent’anni” che si concluse con la fine del secondo conflitto mondiale.
Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di raggiungere un elevato grado di conoscenza in merito: a) alle periodizzazioni delle fasi storiche considerate, b) agli avvenimenti che caratterizzano le vicende storiche dei principali paesi coinvolti nel conflitto mondiale, c) ai processi storici che la Grande Guerra mette in moto, d) alle interpretazioni storiografiche relative a questi processi.

Programma

Programma

Guerra e crisi della democrazia europea alla fine del primo conflitto mondiale.


La prima parte del corso affronta le principali questioni generali relative alla crisi diplomatica e politica che portò allo scoppio della Grande Guerra, alle caratteristiche del conflitto, al suo andamento sui vari fronti e alle trasformazioni politiche e culturali che esso generò nel breve e lungo periodo. Successivamente il corso si focalizzerà sulla parte finale del conflitto e sulla crisi del dopoguerra, toccando i seguenti argomenti:

- Il 1918: la fine della guerra
- La percezione della catastrofe: artisti e scrittori dopo il 1918
- Il dopoguerra: economia e società
- Il dopoguerra: il trionfo delle masse
- Violenza politica e crisi delle istituzioni nei diversi contesti europei
- Le origini dei totalitarismi.



Bibliografia

1. Un libro a scelta tra:

O. Janz, 1914-1918. La Grande Guerra, Einaudi, 2014.
M. Isnenghi-G. Rochat, La Grande Guerra 1914-1918, Il Mulino, 2014.

2. Due libri a scelta tra i seguenti:

1. N. Labanca, Caporetto. Storia e memoria di una disfatta, Il Mulino, 2017.
2. A. Gibelli, La guerra grande. Storie di gente comune, Laterza, 2014.
3. R. Gerwarth-J. Horme, Guerra in pace. Violenza paramilitare in Europa dopo la Grande Guerra, Mondadori, 2013.
4. E. Gentile, L’apocalisse della modernità. La Grande Guerra per l’uomo nuovo, Mondadori, 2008.


Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere alla bibliografia sopraindicata, il volume:

1. M. Isnenghi, Convertirsi alla guerra. Liquidazioni, mobilitazioni e abiure nell’Italia tra il 1914 e il 1918, Donzelli, 2015.


Modalità didattiche

Le modalità didattiche adottate comprendono: lezioni frontali, visite a musei e archivi, , lezioni con ospiti esterni. I partecipanti potranno preparare relazioni su temi concordati con il docente. Il corso sarà affiancato da un seminario di approfondimento delle tematiche relative alla Prima Guerra Mondiale.

Modalità d'esame

Modalità d’esame

1. Modalità di accertamento: colloquio orale.
2. Obiettivi: verificare la capacità di esposizione dei concetti storici usando una terminologia appropriata, l’abilità nel collegare gli avvenimenti e di collocarli adeguatamente entro i singoli contesti nazionali e la conoscenza delle diverse interpretazioni storiografiche dei processi storici più rilevanti.
3. Contenuti: le domande verteranno sugli argomenti trattati durante il corso e sviluppati nei volumi indicati nella bibliografia.
4. Modalità di valutazione: punteggio espresso in trentesimi.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018