Storia contemporanea extraeuropea (2017/2018)

Codice insegnamento
4S001531
Docenti
Federica Bertagna, Fernando Jorge Devoto
Coordinatore
Federica Bertagna
crediti
6
Settore disciplinare
M-STO/04 - STORIA CONTEMPORANEA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 2B dal 23-apr-2018 al 9-giu-2018.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Contribuire a una riflessione su alcuni tipi di regimi politici sudamericani, definiti in varia forma (cesarismi, bonapartismi, fascismi, populismi) e sulle loro specificità nel quadro delle idee e dei movimenti politici contemporanei

Programma

Il corso sarà impartito dal visiting professor Fernando J. Devoto (Universidad de Buenos Aires). Le lezioni si svolgeranno nel secondo semestrino b (dal 23 aprile al 9 giugno 2018). Per contattare il docente, inviare una mail all'indirizzo fernandodevoto@gmail.com (in italiano, o in spagnolo, inglese, francese)

Programma

Almeno da quando François-Auguste Romieu nel 1850 pubblicò «L'ére des Césars», si è cercato di definire un tipo di regime politico non contemplato nella triade classica. A tal fine sono stati usati diversi termini: cesarismo, bonapartismo, fascismo, populismo. Il corso proverà a ripercorrere, in primo luogo, l’itinerario di queste parole e nozioni in Europa e in America – e si preferisce usare parole e nozioni, alla maniera di Lucien Febvre, e non concetti, anche se lo sono, per eludere i dibattiti sorti sulla storia concettuale. I quattro vocaboli riferiti sono stati utilizzati per caratterizzare tanto regimi quanto movimenti politici in entrambi i continenti. Il corso esplorerà questi usi, in particolare tra il decennio 1920 e gli anni ‘80. Due di essi hanno finito per monopolizzare il lavoro degli studiosi e i dibattiti nell’opinione pubblica, sia come termini descrittivi, sia come ingiurie politiche: fascismo e populismo.
Dall’epoca in cui il vocabolo fascismo sembrava includere tutto, si passò a una fase nel secondo dopoguerra in cui, specie grazie al contributo di Gino Germani, si elaborò una dicotomia: fascismi europei vs. populismi latinoamericani. Negli ultimi decenni questa distinzione ha mostrato una tendenza a dissolversi nuovamente e l’espressione populismo appare un passe-partout destinato a definire ogni regime politico che non rientra in un ideal-tipo di democrazia rappresentativa.
Il corso proporrà una riflessione su alcuni casi latinoamericani, innanzitutto il varguismo e il peronismo ma con aperture anche ad altri casi (da Gómez al cardenismo o al MNR boliviano, dal ibañizmo al velzquismo) – sui loro punti di riferimento intellettuali e sui modelli europei presi, a ragione o no, come riferimenti: dal maurrasianismo al fascismo, dal salazarismo al falangismo.
Tuttavia, non si tratterà solamente di una comparazione per identificare le differenze ma anche di un’esplorazione della diffusione di idee e modelli e dei limiti dei medesimi. Limiti che derivavano sia dalle modifiche inevitabili che impongono i cambi di contesto, sia dal fatto che le formule politiche latinoamericane hanno riunito sempre una miscela di componenti locali ed esterni eterogenei.

Bibliografia obbligatoria per frequentanti e non frequentanti:

- per un quadro d´insieme:
• Rouquié, L´America Latina, Milano, Mondadori, 2000, parte II.
- sui modelli e sul vocabolario politico:
• Momigliano, “Per un riesame della storia dell’idea di Cesarismo”, Rivista storica italiana n. 68 (1956), p. 220-229;
• A. Gramsci, Quaderni del carcere, Torino, Einaudi, 2007, v. III, pp. 1619-1622,
• L. Vallenilla Lanz, Cesarismo democratico, Roma, Cremonese, 1934*,
• B. Bongiovanni, Populismo, in “Enciclopedia delle Scienze Sociali Treccani, 1996
• E. Laclau, La ragione populista, Bari, Laterza, 2008,
• I. Meny-Y. Surel, Populismo e democrazia, Milano, Il Mulino, 2000, cap. IV.
- sui processi storico politici:
• G. Germani, Autoritarismo, fascismo e classi sociali, Bologna, il Mulino, 1975, capp. IV e V,
• B. Fausto, Storia del Brasile, Cagliari, Fabula, 2010* ;
• G. Pasquino, Militari e potere in America Latina. Bologna, Il Mulino, 1975, capp. I-II e IV ,
• E. Hobsbawm, Viva la Revolución. Il secolo delle utopie in America Latina. Milano, Rizzoli, 2016*

* i capitoli da studiare saranno indicati a lezione

Bibliografia complementare (per approfondimenti, non obbligatoria)

Per un quadro d’insieme della storia dell’America Latina si suggerisce la consultazione di alcuni dei seguenti testi: L. Bethell (ed.), The Cambridge History of Latin America, 10 voll., Cambridge University Press, Cambridge, 1984-2008 (sono disponibili edizioni in portoghese e spagnolo). Su economia e demografia, argomenti non specificamente indagati nella bibliografia obbligatoria: R. Thorp, Progress, Poverty and Exclusion: an Economic History of Latin America in the 20th Century, Banco Interamericano de Desarrollo-Unión Europea, Washington, 1998 (sono disponibili edizioni in spagnolo e portoghese). Su storia delle idee e movimenti politici: C. Altamirano, Historia de los intelectuales en América Latina, Buenos Aires, Katz Editor, 2008-2009, 2. Vol; L. Garruccio, Momenti dell’esperienza politica latino-americana, Bologna il Mulino, 1974. Una comparazione tra varguismo e peronismo in F. Devoto-B- Fausto, Argentina-Brasil: un ensayo de historia comparada, Buenos Aires, Sudamericana, 2006 (disponibile anche una edizione in portoghese), A. Knight, “Cardenismo. Juggernaut or jalopy?”, en Journal of Latin American Studies, 26:1 (1994), pp. 73-107, E. Krauze, El sexenio de Lázaro Cárdenas, México, Clío, 1999, G. Caetano-R. Jacob, El nacimiento del terrismo, Montevideo, Ed. Banda Oriental, 1989, A. De Castro Gomes, “Autoritarismo e corporativismo no Brasil: O legado de Vargas”, Revista da USP, 65, 2005, pp. 105-119; F. Devoto-T.S. Di Tella, Political culture, social movements and democratic transitions in South America in the 20th century, Milano, Annali della Fondazione Feltrinelli, XXXII, 1997, P. Drake, Socialismo y populismo en Chile, Valparaiso, Ed. de la Universidad, 1992.

Modalità d'esame

Studenti frequentanti: esame orale
Studenti non frequentanti: esame scritto (2 o 3 domande aperte, un'ora di tempo a disposizione per rispondere)

Opinione studenti frequentanti - 2016/2017