Historical linguistics (2018/2019)

Codice insegnamento
4S004060
Docente
Paola Cotticelli
Coordinatore
Paola Cotticelli
crediti
9
Settore disciplinare
L-LIN/01 - GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA
Lingua di erogazione
Inglese
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 2A, Sem. 2B

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

L'insegnamento tratta del mutamento, del contatto e della variazione del linguaggio e delle lingue. Offre una chiave di lettura e conoscenza del complesso del linguaggio umano in una chiave diacronica, fondamentale alla completezza della maturità dello studente di linguistica, alla sua preparazione per ulteriori livelli di studio e per la sua professionalità nel mondo del lavoro, ora sempre più caratterizzato da incontri di lingue e culture comunicative e da rapidi mutamenti.

Risultati attesi
D1- Elevata conoscenza dei fatti e dei fattori del mutamento, del contatto e della variazione linguistica.
D2- Riconoscere gli aspetti del mutamento linguistico e descriverli nel modo corretto. D3- Considerare criticamente le teorie e i metodi della linguistica storica.
D4- Presentare adeguatamente i risultati del proprio studio.
D5- Rielaborare autonomamente e riutilizzare le competenze acquisite nell'ulteriore percorso di studio e/o professionale.

Programma

Il corso di Historical Linguistics, offerto per la Laurea magistrale in Linguistics, impartito in lingua inglese, è coordinato dalla Prof.ssa P. Cotticelli e vedrà l'intervento del Visiting Professor Velizar Sadovski (Accademia delle Scienze di Vienna) nella prima parte del corso (27 ore – 4,5 CFU). La seconda parte (27 ore – 4,5 CFU) sarà tenuta dalla coordinatrice, Prof.ssa Paola Cotticelli.
Il Corso affronta e illustra il fenomeno della composizione nelle lingue indoeuropee antiche e moderne in modo complessivo, esaminando la storia dei metodi classificatori, dai grammatici indiani ai nostri giorni, le teorie ad essi collegate, e gli esempi presi da diverse lingue come punto di partenza per un’analisi sincronica e diacronica.

PREREQUISITI
È presupposta una conoscenza dei fondamenti della linguistica sincronica e diacronica (acquisiti nel primo anno del CdS e nei precedenti Corsi triennali).
A chi ritenesse di non aver acquisito con sicurezza tali fondamenti, si consiglia di consultare i docenti e di avvalersi di manuali base (e.g. Graffi — Scalise, Introduzione allo studio del linguaggio; Magni, Linguistica storica; J. Clackson, Historical linguistics).

RISULTATI FORMATIVI ATTESI
Il corso si prefigge di fare acquisire allo studente l’uso critico dei concetti e dei metodi fondamentali della linguistica storica per l’arricchimento culturale e professionale del linguista e in generale della figura dell’intellettuale di formazione linguistica, storico-filologica e umanistica.
L'insegnamento offre quindi una chiave di lettura e conoscenza del complesso del linguaggio umano fondamentale alla completezza della preparazione offerta dal Corso di LM in Linguistics. Le conoscenze acquisite sono infatti necessarie alla formazione del linguista e alla sua preparazione per l'ulteriore livello di studio (dottorati e simili) e per la professionalità nel mondo del lavoro sempre più caratterizzato da incontri di lingue e culture comunicative e da rapidi mutamenti.
Al termine dell’insegnamento lo studente dovrà essere in grado di
• riconoscere la tipologia dei composti e descriverle in modo corretto;
• illustrare i fondamenti dello studio del mutamento linguistico e le teorie che ne descrivono i fattori e le possibili cause in relazione alle strategie di formazione dei composti;
• saper applicare le conoscenze acquisite nell’ulteriore percorso di studio e/o professionale.
AMBITI TEMATICI DEL CORSO
1. Il linguaggio naturale, le lingue e le caratteristiche formali e funzionali della formazione di parola
2. Il sistema della composizione: storia, fenomeni, analisi, teorie.


ORGANIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO
L'insegnamento è diviso in due parti.

I parte (e Prof. Sadovki)

1. Introduzione generale
2. …
3. …..
4. ….
5. …..
6. ……

II Parte (Prof.ssa Cotticelli):
8. Cause e teorie:
8.1 …..
8.2. ……
8.3. ……..

MODALITÀ DIDATTICHE
(1) Lezioni frontali dedicate alle tematiche del corso favorendo l’intervento attivo dei partecipanti con domande e discussioni.
(2) Relazioni da esporre in aula da parte degli studenti sulla base di saggi relativi alle tematiche dell'insegnamento. I saggi saranno presentati a lezioni e scelti gli studenti secondo i singoli interessi.
(3) Studenti non frequentanti. Gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare al più presto il coordinatore che è a disposizione per concordare un programma il più possibile coerente con gli obiettivi e gli ambiti per i frequentanti e per supportare la lettura e comprensione del materiale durante la preparazione.


Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Campbell, Lyle Historical linguistics. An introduction. (Edizione 3) MIT Press 2013
Clackson, James, Indo-European Linguistics. An Introduction Cambridge 2007
Bowern, Claire; Evans, Bethwyn The Routledge handbook of historical linguistics. Routledge 2015

Modalità d'esame

Per tutti gli studenti (frequentanti o non frequentanti) l’accertamento dei risultati di apprendimento prevede:
• l'esposizione in aula di una relazione di approfondimento su una tematica dell'insegnamento;
• la prova orale finale su tutti gli argomenti del corso, incluse le relazioni sostenute dai colleghi.
Gli studenti avranno a disposizione le lezioni e le relazioni sulla piattaforma e-learning.

OBIETTIVI DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO
• verificare lo stato dell’apprendimento degli argomenti dell'insegnamento;
• verificare la capacità di rielaborazione e di approfondimento.

CONTENUTI E MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO
La prova riguarda tutti gli argomenti del programma, incluse le relazioni presentate dai colleghi.

VALUTAZIONE
La valutazione è espressa in trentesimi, sulla base delle conoscenze, dell’efficacia e prontezza delle risposte, della proprietà di linguaggio.

Per gli studenti Erasmus il coordinatore è a disposizione per chiarire i contenuti e le modalità della prova.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018