Lingua greca (i) (2018/2019)

Codice insegnamento
4S001368
Docente
Andrea Rodighiero
Coordinatore
Andrea Rodighiero
crediti
6
Settore disciplinare
L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 1A dal 24-set-2018 al 10-nov-2018.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso di Lingua greca si propone di
• descrivere secondo uno sviluppo diacronico le caratteristiche linguistiche del greco antico;
• analizzarne e studiarne le attestazioni fin dalle origini attraverso lo studio delle varianti dialettali (a partire dalla Lineare B e dall’analisi e lettura dei primi supporti di scrittura);
• offrire una visione d’insieme sullo sviluppo del sistema alfabetico greco;
• affrontare aspetti peculiari relativi alla formazione della lingua letteraria con riferimento alla ‘specializzazione linguistica’ di ciascun genere (specie i generi poetici) attraverso la lettura e il commento linguistico (con attenzione per gli elementi di fonetica e di morfologia);
• affrontare alcuni esempi di lingua documentaria.

RISULTATI FORMATIVI ATTESI
Il corso si prefigge di fare acquisire allo studente quelle nozioni di base che gli consentano l’analisi linguistico-letteraria dei testi e gli offrano competenze utili a collocarli – anche in maniera autonoma e non più guidata dalla figura-docente – storicamente e sul piano dello sviluppo culturale e nell’ambito delle trasformazioni linguistiche regionali del mondo ellenico, con speciale riferimento all’età arcaica e classica.
Al termine dell’insegnamento lo studente dovrà essere in grado di individuare, analizzare, commentare e collocare cronologicamente (dove possibile) aspetti linguistico-lessicali, fonologici e morfologici relativi allo sviluppo storico (e specialmente storico-letterario) della lingua greca, in una prospettiva diacronica e con riferimento ai generi letterari presi in esame.
La conoscenza degli elementi fondamentali della dialettologia greca mira ad una sistematica applicazione di tale sapere all’analisi dei testi letterari nell’ambito cronologico normalmente definito dalla ‘Letteratura greca’ (da Omero all’età tardoantica).

PREREQUISITI
È presupposta la conoscenza del greco antico. Gli studenti che non siano in possesso di tale requisito sono invitati a frequentare il Corso di avviamento allo studio del greco antico, previsto per l’a.a. 2017-2018 su tre distinti livelli di competenza (‘zero’, ‘intermedio’ e ‘avanzato’).

N.B.
Il corso prevede anche la frequenza (non obbligatoria ma vivamente consigliata) di alcune attività seminariali di supporto, per un totale di 12 ore. Tali attività sono a integrazione e sostegno delle letture fatte in originale durante il corso, e servono inoltre come introduzione all'utilizzo dei principali strumenti di consultazione per lo studio del greco antico (banche dati, TLG, Dizionari on line, 'corpora', Année Philologique, ecc.).

Programma

PRINCIPALI NUCLEI TEMATICI DEL CORSO
1. Nascita e sviluppo della lingua greca
2. Elementi di fonetica e morfologia del greco antico
3. La formazione delle lingue letterarie della grecia arcaica e classica

TESTI DI RIFERIMENTO
1.
O. Longo, "Elementi di grammatica storica e dialettologia greca", Padova, Cleup, 1987; si potranno utilizzare con profitto anche A. Meillet, "Lineamenti di storia della lingua greca", trad. it. Torino, Einaudi, 1976[2]; L.R. Palmer, "The Greek Language", London 1980.

Letture consigliate:
P. Chantraine, "Morphologie historique du grec", Paris, Klincksieck, 1961; Y. Duhoux, "Introduzione alla dialettologia greca antica", trad. it. Bari, Levante, 1986; M. Lejeune, "Phonétique historique du mycénien et du grec ancien", Paris, Klincksieck, 1972.

2.
Manuale:
A.C. Cassio (a cura di), "Storia delle lingue letterarie greche. Seconda edizione", Firenze, Le Monnier, 2016, in particolare i capp. 1, 2 e 4 (A.C. Cassio), 5 (L’epica, E. Passa), 6 (La lirica monodica, O. Tribulato), 7 (La lirica corale, O. Tribulato), 10 (La tragedia, S. Kaczko).

3.
Testi:
Omero, Iliade, passi scelti; Stesicoro fr. 97 Davies - Finglass; Alcmane fr. 3 Calame; Saffo, fr. 1 e fr. 44 V.; Archiloco fr. 196a W.[2]; Pindaro, Olimpica 1; Sofocle, "Trachinie" 497-530.

Ulteriori indicazioni bibliografiche, altri testi in originale, nonché altro materiale, saranno forniti a lezione.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
O. Longo Elementi di grammatica storica e dialettologia greca Cleup, Padova 1987
J. Clackson Language and Society in the Greek and Roman Worlds Cambridge University Press, Cambridge 2015
A. Meillet Lineamenti di storia della lingua greca trad. it. Einaudi 1976
P. Chantraine Morphologie historique du grec Klincksieck, Paris 1961
A.C. Cassio Storia della lingua greca Le Monnier, Firenze 2016

Modalità d'esame

Per tutti gli studenti (frequentanti o non frequentanti) l’accertamento dei risultati di apprendimento prevede una prova orale.

OBIETTIVI DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO
• verificare l’analitica conoscenza degli argomenti del programma;
• verificare la capacità di tradurre e commentare i testi;
• verificare la capacità di riflessione e rielaborazione in relazione ad alcuni aspetti problematici;
• verificare la capacità di analisi autonoma relativamente ad esiti fonetici e morfologici (nonché, nel caso, grafici) anche in testi non letti insieme (tali conoscenze sono da acquisirsi anche attraverso lo studio individuale del/dei manuale/manuali);

CONTENUTI E MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO
La prova riguarda tutti gli argomenti del programma ed è articolata in tre parti, relative alle tre aree tematiche previste dal programma:
(1) accertamento delle capacità di argomentare relativamente agli aspetti storico-geografici dello sviluppo della lingua greca;
(2) accertamento delle conoscenze relative agli aspetti fonetici e morfologici;
(3) verifica delle conoscenze sui testi (lettura, traduzione, commento).

VALUTAZIONE
Per ciascuna delle tre parti si attribuisce fino a un massimo di 10 trentesimi.
La somma del punteggio delle valutazioni formerà il voto finale, espresso in trentesimi, sulla base delle conoscenze, dell’efficacia e prontezza delle risposte, della proprietà di linguaggio.

Per gli studenti Erasmus il docente chiarirà a lezione i contenuti e le modalità della prova.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018