Lingua e poesia di Omero e dell'epica (m) (2018/2019)

Codice insegnamento
4S007393
Docente
Andrea Rodighiero
Coordinatore
Andrea Rodighiero
crediti
6
Settore disciplinare
L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 1B dal 19-nov-2018 al 12-gen-2019.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

L’insegnamento «Lingua e poesia di Omero e dell’epica» si propone di
• fornire allo studente una preparazione approfondita dello sviluppo diacronico del greco letterario, con speciale riferimento ad aspetti lessicali, morfologici, sintattici e semantici della lingua più arcaica;
• fornire allo studente capacità analitiche e competenze metodologiche per saper leggere in originale e commentare sotto il profilo linguistico-letterario testi fondamentali della Letteratura greca e per saperli collocare sul piano della lingua e dello stile dentro la storia letteraria dei Greci, con speciale riferimento alla lingua di Omero e dell’epica arcaica;
• offrire una visione d’insieme della cosiddetta ‘questione omerica’;
• fornire conoscenze approfondite relativamente ai concetti di ‘oralità’ e di ‘formula’;
• fornire una visione d’insieme della ‘fortuna’ di Omero anche nell’ambito di altri generi (e.g.: epos e tragedia attica).

RISULTATI FORMATIVI ATTESI
Il corso si prefigge di fare acquisire allo studente nozioni approfondite relativamente ad aspetti di dettaglio (lessicale, fonetico e morfologico, ma anche tematico) specialmente della lingua e della letteratura greca nella sua fase arcaica, con 6 particolare riferimento all’epos, alle strutture versali dell’epica nonché alla loro origine, e alle principali problematiche ad essa connesse.
Al termine dell’insegnamento lo studente dovrà essere in grado di
• comprendere, analizzare anche sul piano prosodico, e tradurre – anche a prima vista – pericopi di testi epici (conoscenza applicata);
• saper analizzare sul piano linguistico, metrico, stilistico la lingua dell’epos affrontata insieme durante le lezioni;
• collocare i fenomeni linguistici e il lessico incontrato dentro un quadro storicolinguistico più generale;
• saper applicare le conoscenze acquisite ad altri testi analoghi di epoca differente (e.g.: l’epos ellenistico);
• comunicare con un lessico adeguato le conoscenze acquisite.

PREREQUISITI
È presupposta una conoscenza di livello avanzato del greco antico.

Programma

PRINCIPALI NUCLEI TEMATICI DEL CORSO
1. Nascita e sviluppo dell’epica greca, della sua lingua e del verso
2. Aspetti fonetici e morfologici della lingua di Omero
3. L’Iliade (libri 1-3 in particolare)

TESTI DI RIFERIMENTO
1.
A. Ercolani, Omero, Roma, Carocci, 2006.
B. Gentili, P. Giannini, Preistoria e formazione dell’esametro, in «Quaderni Urbinati di Cultura Classica» 26 (1977), pp. 7-51.

2.
Si danno per acquisite le nozioni di base relative alla lingua omerica (cfr. A.C. Cassio [a cura di], Storia delle lingue letterarie greche. Seconda edizione, Firenze, Le Monnier, 2016, in particolare il cap. 5: L’epica, di E. Passa).

Saranno inoltre necessari strumenti di consultazione, oltre a M. Finkelberg (Ed.), The Homer Encyclopedia, Chichester, Wiley-Blackwell, 2011: P. Chantraine, Morphologie historique du grec, Paris, Klincksieck, 1961; M. Lejeune, Phonétique historique du mycénien et du grec ancien, Paris, Klincksieck, 1972; P. Chantraine, Grammaire homérique I-II, nuovelle édition revue et corrigée par M. Casevitz, Paris, Klincksieck, 2013-2014; P. Chantraine, Dictionnaire étymologique de la langue grecque, Paris, Klincksieck, 2009(2); Lexikon des frühgriechischen Epos, begründet von B. Snell, Göttingen, Vandenhoeck&Ruprecht, 1955-2010; A.-F. Christidis (Ed.), A History of Ancient Greek. From the Beginnigs to late Antiquity, Cambridge, CUP, 2007; Homers Ilias Gesamtkommentar (Basler Kommentar), herausgegeben von J. Latacz, Saur, München-Leipzig (poi de Gruyter, Berlin-New York), 2000-.

Lettura consigliata: M. Parry, The Traditional Epithet in Homer, in The Making of Homeric Verse. The Collected Papers of Milman Parry, ed. by A. Parry, Oxford, Clarendon Press 1971, pp. 1-190.

3.
Homer, Iliad, Book 1, edited with an introduction, translation, and commentary by S. Pulleyn, Oxford, Oxford University Press, 2000.
Iliade, libro I: La peste – L’ira, introduzione e commento di M. Giordano, traduzione di G. Cerri, Roma, Carocci, 2010.
Omero, Iliade, a cura di F. Ferrari, Milano, Mondadori, 2018.
G.S. Kirk (Ed.), The Iliad, I-VI, Cambridge, Cambridge University Press, 1985-1993.

Ulteriori indicazioni bibliografiche, altri testi in originale, nonché altro materiale (singoli saggi), saranno forniti a lezione.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
S. Pulleyn Homer, Iliad, Book 1 Oxford University Press, Oxford 2000
M. Giordano Iliade, libro I: La peste – L’ira Carocci, Roma 2010
P. Chantraine Morphologie historique du grec Klincksieck, Paris 1961
A. Ercolani Omero Carocci, Roma 2006
F. Ferrari Omero, Iliade Mondadori, Milano 2018
P. Chantraine P. Chantraine, Grammaire homérique I-II, nouvelle édition revue et corrigée par M. Casevitz Klincksieck, Paris 2009
G.S. Kirk (Ed.) The Iliad, I-VI Cambridge University Press, Cambridge 1985 In più volumi: 1985-1993

Modalità d'esame

Per tutti gli studenti (frequentanti o non frequentanti) l’accertamento dei risultati di apprendimento prevede una prova orale.

OBIETTIVI DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO
• verificare l’analitica conoscenza degli argomenti del programma;
• verificare la capacità di tradurre e commentare i testi;
• verificare la capacità di riflessione e rielaborazione in relazione ad alcuni aspetti problematici;
• verificare la capacità di analisi autonoma relativamente ad esiti fonetici e morfologici anche in testi epici non letti durante il corso.

CONTENUTI E MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO
La prova riguarda tutti gli argomenti del programma ed è articolata in tre parti, relative alle tre aree tematiche previste dal programma:
(1) accertamento delle capacità di argomentare relativamente agli aspetti storici e teorici dello sviluppo dell’epos;
(2) accertamento delle conoscenze relative ad aspetti fonetici e morfologici;
(3) verifica delle conoscenze sui testi affrontati insieme e affidati allo studio personale (lettura, traduzione, commento).

VALUTAZIONE
Per ciascuna delle tre parti si attribuisce fino a un massimo di 10 trentesimi.
La somma del punteggio delle valutazioni formerà il voto finale, espresso in trentesimi, sulla base delle conoscenze, dell’efficacia e prontezza delle risposte, della proprietà di linguaggio.

Per gli studenti Erasmus il docente chiarirà a lezione i contenuti e le modalità della prova.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018