Storia della scienza (p) (2018/2019)

Codice insegnamento
4S01268
Docente
Luca Ciancio
Coordinatore
Luca Ciancio
crediti
6
Settore disciplinare
M-STO/05 - STORIA DELLA SCIENZA E DELLE TECNICHE
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 2A dal 18-feb-2019 al 30-mar-2019.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

CONOSCENZE:
1. Il corso ha lo scopo primario di chiarire sul piano concettuale la differenza tra i trasformismi del Settecento, in particolare quello di Lamarck, e la teoria di Darwin. Su tali differenze teoriche gli studenti saranno chiamati a fare la massima attenzione.
2. Inoltre, si intende far comprendere le implicazioni più ampie della riflessione intorno ai meccanismi evolutivi sulle concezioni della natura e dell'uomo; e dunque sui rapporti di potere che su tali concezioni si fondano.
3. Perciò si darà particolare risalto ai nessi interdisciplinari attraverso i quali le scienze alimentano la propria riflessione e, a loro volta, modificano la cultura generale.

ABILITÀ
1. Saper presentare in modo chiaro e coerente alcuni quadri concettuali tipici della cultura scientifica del passato.
2. Saper individuare i nessi esistenti tra scelte teoriche e interessi politico-sociali in gioco.
3. Affinare la sensibilità per la natura dell''indagine scientifica quale strumento indispensabile per la gestione dei problemi collettivi cui l'umanità deve far fronte.

Programma

LE TEORIE EVOLUZIONISTICHE: dal FISSISMO, al TRASFORMISMO, all'EVOLUZIONISMO

‘Biologia’ antica e medievale
1. Platone e Aristotele
2. Lucrezio
3. Il creazionismo biblico
4. Metamorfosi e spontaneità della natura

Mutabilità e stabilità delle specie nel Seicento
5. John Ray, la Scala Naturae e l’idea di adattamento perfetto
6. Robert Hooke e le rivoluzioni del globo

Il riconoscimento delle variabilità dei viventi nel Settecento
7. De Maillet, il libertinismo erudito, l’eternalismo
8. Preformismo, animalculismo, epigenesi
9. Buffon: la degenerazione delle specie
10. Maupertuis e Diderot
11. Linneo e l’economia di natura

Trasformismo predarwiniano
12. Lamarck, Erasmus Darwin
13. Cuvier, Geoffroy Saint-Hilaire, Goethe

Evoluzionismo di Darwin
14. Le origini dell’Origin: fringuelli, vulcani e taccuini
15. La crisi della teologia naturale
16. L’impianto dell’Origin
17. Evoluzione umana: intelligenza ed emozioni

L’evoluzionismo nel Novecento
18. La Nuova Sintesi
19. I teorici dell’Intelligent Design
20. Steven J. Gould

METODI DIDATTICI
Gli incontri in aula prevedono, nella prima parte, una lezione frontale arricchita da slide che consentono di leggere e commentare testi, rappresentazioni visive, documenti originali. Nella seconda parte gli studenti sono chiamati discutere in forma seminariale i testi che il docente metterà a disposizione in formato Pdf sulle piattaforme on-line con largo anticipo.

PREPARAZIONE DELL'ESAME
Nello studio del testo obbligatorio di G. Barsanti lo studente farà particolare attenzione alle differenze concettuali tra trasformismo lamarckiano ed evoluzionismo darwiniano. Per quanto riguarda i materiali forniti in PDF e discussi a lezione, lo studente sceglierà e studierà un autore per ciascuna delle sei 'fasi' storiche in cui si articola il programma.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Barsanti, G. Una lunga pazienza cieca. Storia dell'evoluzionismo Einaudi 2005

Modalità d'esame

L'esame si svolge in forma di colloquio orale. L'obiettivo della prova d'esame consiste nel verificare il livello di raggiungimento degli obiettivi formativi precedentemente indicati. In particolare, chiedendo allo studente di illustrare due o più punti del programma, il docente valuterà l'ampiezza e l'accuratezza dei contenuti acquisiti dallo studente, la chiarezza e logicità dell'argomentazione, l'autonomia e originalità del pensiero. La partecipazione attiva dello studente al lavoro in classe costituirà un importante elemento di valutazione.
In vista dell'esame gli studenti in Erasmus devono necessariamente contattare il docente.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018