Storia della musica (i) (2019/2020)

Codice insegnamento
4S001450
Docente
Vincenzo Borghetti
Coordinatore
Vincenzo Borghetti
crediti
6
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
L-ART/07 - MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem 1A dal 23-set-2019 al 31-ott-2019.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso ha l’obiettivo di presentare i metodi e fornire gli strumenti per lo studio dell’opera in musica come manifestazione precipua del teatro musicale occidentale degli ultimi quattro secoli. Il corso prevede ogni anno l’approfondimento di uno o più “case study” e mira a fornire le basi concettuali, metodologiche e culturali necessarie per:
- comprendere le caratteristiche specifiche del teatro d’opera, che lo distinguono da altre forme rappresentative con e senza musica;
- saper analizzare il teatro d’opera nel suo dialogo con i contesti storici, sociali, culturali, ideologici.

Programma

Contenuto del corso. Fondamenti di drammaturgia musicale: Claudio Monteverdi e gli inizi del teatro d’opera. Il corso si propone di avviare gli studenti allo studio e alla comprensione del teatro musicale, focalizzandosi prima sulla teoria della drammaturgia musicale, indagandone poi alcuni esempi specifici particolarmente importanti. Dopo la parte teorica, il corso quest’anno si concentrerà sulle prime opere di Claudio Monteverdi nel contesto delle origini del teatro d’opera a cavallo tra XVI e XVII secolo. Di Monteverdi sarà analizzato "L’Orfeo", che funzionerà da "case study" su cui sperimentare i metodi e affinare gli strumenti di analisi del teatro musicale affrontati nella prima parte del corso.

Prerequisiti: nessuno. Non è necessario saper leggere la musica: il corso ha come obiettivo imparare a individuare e riflettere sulle conseguenze drammatiche di precise scelte musicali. Ad ogni modo i concetti musicali di base per orientarsi nell'analisi delle opere verranno spiegati a lezione e sono comunque affrontati nella bibliografia d'esame.

Modalità didattiche: lezioni frontali con ascolti e videoproiezioni. Durante tutto l’anno accademico, inoltre, è disponibile il servizio di ricevimento individuale gestito dal docente, negli orari indicati sulle pagine web (senza necessità di fissare uno specifico appuntamento) e costantemente aggiornati (si prega di controllare sempre nella sezione "avvisi" eventuali variazioni).

Si raccomanda di portare a lezione il libretto e la partitura dell'opera analizzata; entrambi saranno disponibili sulla piattaforma e-learning all'inizio del corso.

PER GLI ISCRITTI A LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Il presente corso è per gli studenti che hanno inserito il corso di Storia della musica nell'ambito "D" (crediti a scelta). Chi invece ha inserito nel piano didattico il corso di Storia della musica nell'ambito "C" seguirà il corso progredito: Storia della musica (p).

esti di riferimento:
- appunti dalle lezioni;
- GLORIA STAFFIERI, "Un teatro tutto cantato. Introduzione all’opera italiana", Roma, Carocci, 2012, capp. 1, 2, 4 (pp. 17-58; 123-139);
- GLORIA STAFFIERI, "L’opera italiana. Dalle origini alle riforme del secolo dei Lumi (1590-1790)", Roma, Carocci, 2014, capp. 1, 2, 3 (pp. 17-146);
- GLORIA STAFFIERI, " 'Versi, macchine e canto': il teatro in musica nel Seicento", in "Musiche nella storia. Dall'età di Dante alla Grande Guerra" a cura di Andrea Chegai e altri, Roma, Carocci, 2017, pp. 131-155;
- *PAOLO FABBRI, Monteverdi, Torino, EDT, 1985, pp. 96-115;
- *Iain Fenlon, "Le prime rappresentazioni dell'Orfeo di Monteverdi", "Philomusica on-line", 8 (2009), pp. 50-63.

- eventuale ulteriore bibliografia sarà comunicata nel corso delle lezioni.

NON È PREVISTA BIBLIOGRAFIA INTEGRATIVA PER CHI NON FREQUENTA

l’asterisco (*) contrassegna il materiale che sarà disponibile sulla piattaforma E-Learning all'inizio delle lezioni; il resto della bibiografia si trova nelle biblioteche di Ateneo.

i libretti e partiture delle seguenti opere:
1. *ALESSANDRO STRIGGIO, L’Orfeo (libretto);
2. *CLAUDIO MONTEVERDI, L’Orfeo (partitura);

l’asterisco (*) contrassegna il materiale che sarà disponibile sulla piattaforma E-Learning di Ateneo all'inizio delle lezioni

Video dell'Orfeo di Monteverdi:
- regia di Pier Luigi Pizzi, Les Arts Florissants, direttore: William Christie, DVD, Dynamic 2009 (reperibile presso la Biblioteca Frinzi, sezione Reference);
- regia di Robert Wilson, Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, direttore: Rinaldo Alessandrini, DVD, Opus Arte 2011 (reperibile presso la Biblioteca Frinzi, sezione Reference);
- regia di Alessio Pizzech, Orchestra del Teatro Regio di Torino, direttore Antonio Florio, 2018 (disponibile online https://www.youtube.com/watch?v=yhB8Qs7rrQs)



Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
GLORIA STAFFIERI "L’opera italiana. Dalle origini alle riforme del secolo dei Lumi (1590-1790)" Carocci 2014 9788843071081 capp. 1, 2, 3 (pp. 17-146)
*PAOLO FABBRI "Monteverdi" EDT 1985 978-88-7063-035-0 pp. 96-115
GLORIA STAFFIERI "Un teatro tutto cantato. Introduzione all’opera italiana" Carocci 2012 9788843065769 pp. 17-58; 123-139
GLORIA STAFFIERI "Versi, macchine e canto: il teatro in musica nel Seicento", in "Musiche nella storia. Dall'età di Dante alla Grande Guerra", a cura di Andrea Cheghai e altri Carocci 2017 pp. 131-155

Modalità d'esame

L'accertamento dei risultati d'apprendimento prevede una prova scritta che consiste in un questionario a risposte aperte. Le domande saranno tre così suddivise: la prima sulla teoria della drammaturgia musicale (prima parte del corso); le restanti due sull' "Orfeo" (seconda parte del corso). Per rispondere alle domande i candidati avranno a disposizione 1h e 30m.

Istruzioni per l’iscrizione all’esame
Chi intende sostenere l'esame deve:
1) iscriversi all’appello SCRITTO NON VERBALIZZANTE
2) dopo la prova escritta, attendere la pubblicazione del voto nella sezione “avvisi” della pagina personale del docente (http://www.dcuci.univr.it/?ent=persona&id=4950&lang=it#tab-avvisi).
3) Chi ACCETTA IL VOTO deve iscriversi all’appello VERBALIZZANTE (o di VERBALIZZAZIONE). Questo appello NON richiede la presenza degli studenti: è un procedimento telematico.