Storia della musica (p) (2018/2019)

Codice insegnamento
4S001451
Docente
Vincenzo Borghetti
Coordinatore
Vincenzo Borghetti
crediti
6
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
L-ART/07 - MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 1B dal 19-nov-2018 al 12-gen-2019.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

L’obiettivo del corso è offrire agli studenti i metodi e gli strumenti per analizzare in modo approfondito la musica come parte di un contesto storico, e per comprendere come essa contribuisca a definire le coordinate ideologiche, sociali e culturali di un’epoca.
Al termine del corso, che si concentra ogni anno su uno o più case study, gli studenti acquisiranno le basi concettuali, metodologiche e culturali necessarie per poter analizzare ed interpretare il ruolo e il significato della musica sia come strumento della comunicazione e dell’interazione tra gli esseri umani, sia come mezzo della costruzione dell’identità di gruppi sociali, sia oggi sia nel passato.

Programma

La musica nelle corti del Rinascimento. Il corso è diviso in due parti. La prima si focalizza sul ruolo e sul significato della musica come mezzo della comunicazione tra gli uomini e della costruzione dell’identità di gruppi sociali, sia oggi sia nel passato. La seconda si concentra sulla produzione, il consumo e i diversi significati della musica nelle corti europee del Rinascimento, con particolare attenzione a quelle italiane. Sulla base di un approccio interdisciplinare, questa parte prevede approfondimenti sulle opere prodotte negli ambienti cortesi, e al contempo si propone di riflettere sulle dinamiche e sulle implicazioni ideologiche e politiche del mecenatismo musicale prinicipesco.

Modalità didattiche: lezioni frontali con ascolti e videoproiezioni. Durante tutto l’anno accademico, inoltre, è disponibile il servizio di ricevimento individuale gestito dal docente, negli orari indicati sulle pagine web (senza necessità di fissare uno specifico appuntamento) e costantemente aggiornati (si prega di controllare sempre nella sezione "avvisi" eventuali variazioni).

Testi di riferimento
(il simbolo * indica il materiale disponibile sulla piattaforma e-learning del corso; il resto è tutto disponibile nelle biblioteche di ateneo)

-- appunti dalle lezioni;
-- NICHOLAS COOK, Musica: una breve introduzione, Torino, EDT, 2005, capp. 1, 2, 7 (pp. 1-45; 125-151);
-- da "Musica e società" a cura di Paolo Fabbri e Maria Chiara Bertieri, vol. 1, "Dall'alto Medioevo al 1640" Milano, McGraw-Hill, 2012 (o ristampe successive) i seguenti capitoli: cap. III, PAOLO FABBRI, "Il Quattrocento", pp. 98-121); cap. IV, "PAOLO FABBRI, "Tra Quattro e Cinquecento", pp. 135-174;
- FRANCO PIPERNO, "Musica e corti nella prima età moderna" in "Musiche nella storia. Dall'età di Dante alla Grande Guerra", a cura di Andrea Chegai [e altri], Roma, Carocci, 2017, pp. 75-130.
- VINCENZO BORGHETTI, "Il repertorio musicale, i manoscritti e l’identità del principe", in "Cappelle musicali fra corte, stato e chiesa nell’Italia del Rinascimento", a cura di Franco Piperno, Gabriella Biagi Ravenni e Andrea Chegai, Firenze, Olschki, 2007, pp. 319-348.
-- * VINCENZO BORGHETTI, "La sovrana lettrice. Margherira d'Austria e il suo chansonnier (Bruxelles, Bibliothèque royale de Belgique, Ms 228)" in "Cara scientia mia, musica". Studi per Maria Caraci Vela, a cura di Angela Romagnoli [e altri], Pisa, ETS, 2018, pp. 43-63.
- da "La musica e il mondo: mecenatismo e committenza musicale in Italia tra Quattro e Settecento", a cura di Claudio Annibaldi, Bologna, Il Mulino, 1993, i seguenti saggi: 1) l’introduzione del curatore (pp. 9-42); 2) Howard Mayer Brown, "Per un dibattito sul mecenatismo musicale tra Quattro e Settecento" (pp. 49-56); 3) Allan Atlas, "Intorno a una messa per la corte aragonese di Napoli" (pp. 57-66).

eventuali ulteriori indicazioni saranno fornite durante le lezioni

Non è prevista bibliografia aggiuntiva per i non frequentanti

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Paolo Fabbri Cap. III, "Il Quattrocento", in "Musica e società" McGraw-Hill 2012 pp. 98-121.
Paolo Fabbri Cap. IV, "Tra Quattro e Cinquecento" McGraw-Hill 2012 pp. 135-174.
Vincenzo Borghetti "Il repertorio musicale, i manoscritti e l’identità del principe", in "Cappelle musicali fra corte, stato e chiesa nell’Italia del Rinascimento", a cura di Franco Piperno Olschki 2007 pp. 319-348.
Allan Atlas "Intorno a una messa per la corte aragonese di Napoli ", in "La musica e il mondo: mecenatismo e committenza musicale in Italia tra Quattro e Settecento", a cura di Claudio Annibaldi Il Mulino 1993 pp. 57-66.
Claudio Annibaldi Introduzione, in "La musica e il mondo: mecenatismo e committenza musicale in Italia tra Quattro e Settecento", a cura di Claudio Annibaldi Il Mulino 1993 pp. 9-42.
Franco Piperno Musica e corti nella prima età moderna" in "Musiche nella storia. Dall'età di Dante alla Grande Guerra", a cura di Andrea Chegai [e altri] Carocci 2017 pp. 75-130.
Nicholas Cook "Musica: una breve introduzione" EDT, Torino 2005 pp. 1-45; 125-151.
Howard Mayer Brown "Per un dibattito sul mecenatismo musicale tra Quattro e Settecento", in "La musica e il mondo: mecenatismo e committenza musicale in Italia tra Quattro e Settecento", a cura di Claudio Annibaldi Il Mulino 1993 pp. 49-56.

Modalità d'esame

L'accertamento dei risultati d'apprendimento prevede una prova scritta che consiste in un questionario a risposte aperte. Le domande saranno tre così suddivise: una domanda sulla prima parte del corso (la musica come mezzo della comunicazione tra gli uomini e della costruzione dell’identità di gruppi sociali ); due domande sulle musiche e le corti analizzate a lezione. Per rispondere alle domande i candidati avranno a disposizione 1h e 30m. Criteri di valutazione: proprietà di linguaggio, conoscenza degli aspetti fondamentali del rapporto tra musica e società, capacità di analizzare le musiche in programma e inserirle in un contesto storico.

Istruzioni per l’iscrizione all’esame
Chi intende sostenere l'esame deve:
1) iscriversi all’appello SCRITTO NON VERBALIZZANTE
2) dopo la prova escritta, attendere la pubblicazione del voto nella sezione “avvisi” della pagina personale del docente (http://www.dcuci.univr.it/?ent=persona&id=4950&lang=it#tab-avvisi).
3) Chi ACCETTA IL VOTO deve iscriversi all’appello VERBALIZZANTE (o di VERBALIZZAZIONE). Questo appello NON richiede la presenza degli studenti: è un procedimento telematico.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018