Cultura tardogotica nelle Alpi orientali

Data inizio
1 ottobre 2012
Durata (mesi) 
12
Dipartimenti
Culture e Civiltà
Responsabili (o referenti locali)
Coden Fabio

Il progetto sul tardo gotico nelle Alpi orientali intende affrontare uno studio specifico e originale relativo a un particolare fenomeno architettonico, di marcato gusto oltremontano, che nei territori immediatamente a sud dello spartiacque alpino si sviluppò fra il 1450 e il 1550.
Il lavoro è rivolto, nello specifico, alla ricostruzione dell’operato del maestro Rupil e della sua famiglia, maestri di origine carinziana che svolsero la loro attività fra Carnia, Comelico e Cadore.
Le indagini mirano alla ricostruzione storica e storico-artistica di questo atelier che si mosse instancabilmente fra Carinzia-Stira e area nord-orientale della penisola italiana, divenendo stanziale nei territori della Diocesi di Aquileia solo a partire dal secondo decennio del XVI secolo.

Descrizione degli obiettivi del progetto di ricerca che si propone:
L’obiettivo principale di questo studio è la comprensione dei vari aspetti culturali di questo fenomeno storico-archiettonico che nella critica contemporanea vanta davvero pochi riscontri. A tale riguardo è bene sottolineare che un numero davvero consistente di edifici dell’area alpina orientale attende ancora una valutazione attenta dei propri caratteri stilistici, costruttivi, storici.
Fra i principali temi di ricerca vi è quello volto all’individuazione delle dinamiche relative alle migrazioni di artisti tedeschi a sud delle Alpi, attraverso anche la valutazione attenta delle condizioni politiche, sociali, artistiche ed economiche dell’area appartenente all’antica diocesi di Aquileia. Sarà così possibile comprendere l’ultimo momento di fortuna della cultura tardo medievale in terra alto-adriatica, poco prima che il rinascimento subentrasse con dirompenza a mutarne definitivamente la tradizione estetica.
S’intende altresì svelare le particolarità del linguaggio tardogotico e delle tecniche costruttive impiegate da questi maestri tedeschi migrati nella penisola italiana.

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Fabio Coden
Professore associato

Attività

Strutture