Famiglie adottive e affidatarie in età moderna

Data inizio
1 ottobre 2014
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Culture e Civiltà
Responsabili (o referenti locali)
Garbellotti Marina

Il progetto intende proseguire e approfondire lo studio delle pratiche adottive e affidatarie in età moderna affrontato nell’ambito del PRIN Circuiti della carità e dinamiche della famiglia. Percorsi e modalità dell'adozione e dell'affidamento nel medioevo e nell'età moderna (2011-2013, coordinatore Maria Clara Rossi, Università di Verona). Si tratta di un tema sino ad anni recenti trascurato dalla storiografia italiana a differenza di quella d’Oltralpe, interessata sin dagli anni Novanta a conoscere le diverse modalità di trasferimento dei bambini. In particolare la ricerca si propone di indagare le forme di affido e di adozione praticate dagli istituti assistenziali e da coppie di coniugi o genitori singoli che sceglievano di affidare temporaneamente o di dare in adozione gli uni esposti, gli altri figli propri. Tali trasferimenti profilano tipologie familiari diverse dal modello dominante, ma non certo unico, della famiglia fondata sul legame di sangue, che meritano di essere valorizzate dalla storiografia. Altro fine del progetto è quello di comprendere gli effetti giuridici delle relazioni filiali non biologiche, nonché la natura emotiva delle stesse, contribuendo alla History of Emotions. Fonti privilegiate della ricerca sono i fondi delle istituzioni assistenziali, laboratori imprescindibili delle forme di trasferimento dei bambini, e gli archivi notarili.

Partecipanti al progetto

Attività

Strutture