"RiCucire distanze e luoghi per una quotidianità condivisa": una mostra al Museo Africano di Verona

  dal 19/02/21 al 25/07/21.
Dal 23 febbraio al 25 luglio 2021 al Museo Africano di Verona è allestita la mostra "Ricucire distanze e luoghi per una quotidianità condivisa" visitabile su prenotazione, prendendo accordi con la Segreteria del Museo Africano al n. 045-8092199 o scrivendo una mail a: info@museoafricano.org.


VISITE GUIDATE
Sono in programma visite guidate alla mostra RiCu presso il Museo africano di Verona.

SU PRENOTAZIONE, POSTI LIMITATI:

sabato 5 e 19 giugno, sabato 3 e 17 luglio;

orario: 14.30, 15.30, 16.30;

costo: 2€ a partecipante, comprensivi di visita autonoma al Museo.

 

PER INFO E PRENOTAZIONI:

info@museoafricano.org

045 8092199 solo la mattina

 

Ma Museo africano

Vicolo Pozzo 1 – Verona

Ampio parcheggio interno
 

Video di presentazione della mostra:

 

La mostra è espressione di un progetto di ricerca-azione di durata biennale promosso dall’Università di Verona nell’ambito del Joint Project 2018: Mending Distances, Connecting Places: Sharing Everyday Life, coordinato da Anna Paini, docente di antropologia del dipartimento di Culture e Civiltà.

Nati dall’interesse di promuovere forme di convivenza e mutuo riconoscimento tra richiedenti asilo e comunità accoglienti, il progetto e la mostra muovono dalla necessità di restituire centralità e capacità narrativa ai vissuti individuali dei richiedenti asilo, cioè di sottrarre la loro storia di vita alle generalizzazioni della cronaca per riconsegnarla alla dimensione soggettiva, in cui il confronto tra visioni del mondo e saperi possono aprire spazi di incontro.
I protagonisti sono 5 giovani sarti richiedenti asilo e un artista curdo. Partiti da Iraq, Togo, Gambia, Senegal le loro strade si sono incrociate a Verona dove nell’ambito del JP 2018 RiCu hanno dato vita a un progetto condiviso con alcune associazioni del territorio.

Alla presentazione del progetto e della mostra hanno portato i saluti istituzionali Emanuela Gamberoni, referente del Rettore per la Cooperazione allo sviluppo internazionale, sociale ambientale, Olivia Guaraldo, delegata del Rettore al Public Engagement, e Arnaldo Soldani, direttore del Dipartimento di Culture e Civiltà. Sono intervenuti: Anna Paini, docente di Antropologia e referente del Joint Project RiCu, Dipartimento Culture e Civiltà, Sabaudin Varvarica, antropologo, assegnista di ricerca, RiCu, Dipartimento Culture e Civiltà, Flavio Castellani, Verona OFF, Mariuccia Bussolin, Associazione culturale Ad Maiora
Sekou Manjang, sarto, protagonista del progetto RiCu, Simona Marchesini, ALTERITAS, Alberta Dal Cortivo, Museo africano



Video dell'inaugurazione:
 

 

Allegati



Organizzazione

Strutture del dipartimento