Storia della stampa e dell'editoria (i+p) (2011/2012)

Codice insegnamento
4S02121
Docente
Giancarlo Volpato
Coordinatore
Giancarlo Volpato
crediti
12
Settore disciplinare
M-STO/08 - ARCHIVISTICA, BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
I semestre dal 3-ott-2011 al 27-gen-2012.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

L’avvento della stampa nel mondo e nella società alla fine del Medio Evo è stata probabilmente la rivoluzione più importante ma anche la più inavvertita che si sia conosciuta: ma è l’evento che ha letteralmente trasformato la civiltà. Partendo da Gutenberg e attraverso la lunga teoria di tipografi e stampatori, toccando i paesi occidentali ma soffermandosi maggiormente in Italia, si tenderà a offrire una visione generale di un mondo non del tutto conosciuto ma che ha contributo, in maniera determinante, allo sviluppo sociale, culturale, economico, politico degli uomini diffondendo idee, opinioni e opere d’arte; per approdare all’editoria, termine sostanzialmente recente, ma che ha ormai fatto dimenticare quelli della tipografia e della stampa sui quali tuttavia si innesta e si regge.

Programma

Prerequisiti: Nessuno

Contenuto del corso: Dal manoscritto alla carta stampata: linee di un percorso che parte dal mondo orientale per approdare a quello occidentale; gli incunaboli e la diffusione della stampa nei paesi dell’Occidente europeo; i rapporti con il nuovo mondo. L’affermazione del libro e la sua incidenza nella società; i grandi tipografi e la loro eredità; i maggiori tipografi-stampatori italiani e il loro rapporto con l’estero; la formazione dei caratteri e la loro affermazione; il libro in Italia. Censure, privilegi e pressioni sulla stampa. Rinascimento come modello di cultura e importanza del libro. Libro come oggetto e sua affermazione nella società dei colti. Il Settecento e le nuove idee come sviluppo della stampa; l’affermazione ottocentesca con i periodici e la nascita dell’editoria. L’alfabetizzazione di massa, la scolarizzazione, gli stati sovrani e il loro potere sulla stampa. Il Novecento e le sue politiche in rapporto alla stampa. L’avvento dei mass-media e il cambiamento dell’editoria. Editoria e potere politico. La concentrazione industriale della fine Novecento dopo la contestazione culturale. Storia degli elementi paratestuali e loro importanza nella stampa del libro. Il libro d’arte.

Testi di riferimento:
1. Appunti dalle lezioni
2. W. CHAPPELL-R. BRINGHURST, Breve storia della parola stampata, Milano Bonnard, 2004;
3. F. BARBIER, Storia del libro: dall’antichità al XX secolo, Bari, Dedalo, 2004;
4. M. SANTORO, Storia del libro italiano: libro e società dal Quattrocento al nuovo millennio, Milano, Bibliografica, 2008;
5. E. EISENSTEIN, La rivoluzione del libro: l’invenzione della stampa e la nascita dell’età moderna, Bologna, Il Mulino, 2000;
6. E. EISENSTEIN, La rivoluzione inavvertita: la stampa come fattore di mutamento, Bologna, Il Mulino, 1986;
7. N. TRANFAGLIA-A. VITTORIA, Storia degli editori italiani: dall’Unità alla fine degli anni Sessanta, Roma-Bari, Laterza, 2007

Metodi didattici: Lezioni frontali, attività seminariale, visite a imprese editoriali.

Modalità d'esame

Esame orale