Storia dell'architettura medievale (2013/2014)

Codice insegnamento
4S001221
Docente
Fabio Coden
Coordinatore
Fabio Coden
crediti
6
Settore disciplinare
L-ART/01 - STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
II semestrino A, II semestrino B

Orario lezioni

II semestrino A

Per visualizzare l'orario delle lezioni, consultare* i documenti pubblicati nella sezione orario lezioni  

Obiettivi formativi

Il corso ha come obiettivo lo studio dei monumenti di epoca romanica della città e della diocesi di Verona, attraverso l’analisi diretta degli episodi più rappresentativi sorti fra l’XI e la fine del XII secolo, con lo specifico intento di individuare e comprendere le componenti culturali che li caratterizzano. Saranno offerti gli strumenti per la corretta valutazione delle strutture, degli apparati decorativi plastici e degli arredi di epoca medievale.

Programma

Prerequisiti: Per accedere all’insegnamento di Storia dell’architettura medievale (m) è necessario avere sostenuto l’esame di Storia dell’arte medievale (i) o, perlomeno, averne seguito il corso nei precedenti o nel corrente Anno Accademico.

Contenuto del corso:
Il corso prevede lo studio dettagliato delle architetture medievali, nonché dei relativi apparati decorativi, di area veronese, sorti in un periodo coincidente con la stagione del romanico (inizio XI-fine XII secolo).
Verranno valutati i maggiori episodi architettonici della città (San Fermo, cattedrale, San Zeno, San Giovanni in Valle, San Lorenzo, Santi Apostoli, etc.) e del territorio (San Giorgio Ingannapoltron, San Floriano, Sant’Andrea a Sommacampagna, Santa Giustina a Palazzolo, etc.), con l’intento di rintracciarvi le relazioni culturali che pongono queste esperienze architettoniche nel più ampio contesto delle coeve manifestazioni del nord della penisola italiana e più in generale dell’Europa medievale.
Saranno rintracciati e valutati i principali componenti che caratterizzano il linguaggio artistico dell’area veronese, dei quali verranno rintracciati sia gli aspetti originali che li contraddistinguono, sia gli stimoli che penetrarono dalle terre oltremontane e da quelle limitrofe alto-adriatiche. Contemporaneamente verrà presa in considerazione l’apparato decorativo plastico che fu destinato ad esornare sia gli esterni sia gli interni degli edifici ecclesiastici della città e del territorio.

Testi di riferimento:
La bibliografia sarà fornita durante il corso.

Metodi didattici: Lezioni frontali, sopralluoghi a monumenti e discussioni seminariali.

Modalità d'esame

Orale