Corsi di laurea magistrale / specialistica (a esaurimento / disattivati)

Corsi non attivi nell'anno accademico attuale

Laurea magistrale in Discipline artistiche Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)
 
I laureati ottengono una formazione relativamente ai contenuti, alle metodologie e alle tecniche della storia dell'arte.
Lo studio della storia dell'arte si articola nelle seguenti periodizzazioni: greco-romana, medievale, moderna e contemporanea. Esso presenta un'offerta formativa ampia e ben raccordata con le discipline storiche e letterarie.
L'apprendimento avviene in stretta connessione con un quadro interdisciplinare di ricerca scientifica, in modo da estendere e approfondire le conoscenze e le capacità di comprensione raggiunte nel corso della laurea di primo livello. Esso prevede l’introduzione a metodologie e tecniche avanzate per la comprensione delle opere d’arte, dello scavo archeologico, come pure del rilievo, della documentazione e dei materiali. L’acquisizione di tali metodologie può essere facilitata da stages e tirocini organizzati in laboratorio e in località di interesse artistico e archeologico, anche in collaborazione con altre Università, Enti e Soprintendenze, sia in Italia, sia all'estero.
Nell’ambito dei corsi sono previste attività che favoriscano la conoscenza dei principali strumenti informatici per coadiuvare l’impegno di studio e di ricerca, relativamente, in particolare, alla catalogazione e alla documentazione dei beni storico-artistici e dei relativi contesti.
– Obiettivi formativi
Il percorso formativo permetterà di ottenere competenze specifiche nel campo della storia dell'arte, dalle origini ai nostri giorni, con approfondimenti in ambito antico, medievale, moderno e contemporaneo, oltre che nella museologia e nella critica d'arte.
 
 
Laurea magistrale in Linguistica Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)
Il corso di laurea magistrale in linguistica si propone di formare dei laureati in grado di utilizzare al meglio le capacità di analisi metalinguistica nei settori dell'insegnamento, della ricerca e dell'applicazione a problematiche linguistiche di rilevanza sociale (per esempio: patologie del linguaggio, inserimento linguistico degli immigrati nel paese di accoglienza, valutazione forense dei documenti linguistici, ecc.). Questi obiettivi verranno ottenuti mediante: a) lo studio approfondito delle teorie e metodologie linguistiche più aggiornate ed avanzate, integrato da riflessioni epistemologiche e psicologiche generali; b) l'applicazione di tali teorie allo studio di problemi specifici della situazione linguistica italiana e degli altri paesi dell'Unione Europea. A questo fine il percorso di laurea garantisce l'apprendimento di almeno una lingua europea, oltre all'italiano, a livello intermedio alto.
  TABELLA AULE DI LEZIONE CON INDICAZIONE DI EVENTUALI IMPEGNI/SPOSTAMENTI DI LEZIONE
 
Laurea magistrale in Storia e geografia dell'Europa Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)
Gli scopi del corso di laurea magistrale in Storia e Geografia dell'Europa sono i seguenti:
- far acquisire agli studenti avanzate competenze nell'ambito delle metodologie proprie delle scienze storiche e geografiche, nonché delle tecniche di ricerca richieste per il reperimento e l'utilizzo critico delle fonti archivistiche, bibliografiche e cartografiche, anche in funzione della descrizione e della analisi del territorio. In tal modo potranno maturare autonoma capacità di studio critico e di ricerca nel campo delle discipline storiche e geografiche inserendole in contesti più ampi ed a carattere interdisciplinare;
- fornire una formazione specialistica approfondita relativa ai momenti e agli aspetti salienti della storia della civiltà europea medievale, moderna e contemporanea nelle sue differenti articolazioni. Si tenderà ad allargare progressivamente l'orizzonte dall'Europa ai paesi extraeuropei, con particolare riferimento al mondo atlantico ed americano. Allo stesso tempo si mira a consentire una formazione specialistica approfondita riguardo ai contenuti rilevanti della geografia fisica, antropica, economica e politica dell'Europa nelle sue differenti realtà territoriali, nonché alle relazioni con i paesi extra Europei. Risulta in questo senso di primaria importanza mettere in grado i laureati di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, con riferimento anche alla capacità di padroneggiare gli specifici lessici disciplinari;
- sviluppare le capacità di comunicare con chiarezza di linguaggio e pertinenza di contenuti i risultati del proprio lavoro nei confronti di interlocutori, specialisti e non specialisti della materia;
- formare le capacità di utilizzare autonomamente strumenti e procedure informatiche nell'ambito della raccolta e del trattamento delle informazioni, fino all'elaborazione di testi complessi sia in formato digitale che tradizionale.
Laurea magistrale in Discipline artistiche e archeologiche Corso disattivato
I laureati ottengono una formazione nelle nuove metodologie e tecniche dell'archeologia e della storia dell'arte.
L'apprendimento delle conoscenze avviene in stretta connessione con un quadro interdisciplinare di ricerca scientifica in modo da estendere ed approfondire le conoscenze e le capacità di comprensione raggiunte nel corso della laurea di primo livello. Esso parte dall'applicazione di metodologie e tecnologie avanzate di analisi dei beni artistici, come pure di indagine archeologica, rilievo, documentazione e analisi dei materiali. L'apprendimento diretto di tali metodologie è facilitato da stages e tirocini organizzati in laboratorio e in località di interesse artistico ed archeologico, anche in collaborazione con altre Università, Enti e Soprintendenze, sia in Italia che all'estero. La didattica dei corsi può essere completata anche da alcune lezioni previste per la Scuola di Dottorato in Studi Umanistici, ma aperte anche agli allievi della Laurea Magistrale.
Lo studio della storia dell'arte non si limita ai monumenti maggiori, ma dà ampio spazio ai vasti repertori di documenti d'archivio, come pure ai monumenti di minori dimensioni, come i prodotti della glittica, o dell'oreficeria e si articola nelle seguenti periodizzazioni: greco-romana, medievale, moderna e contemporanea. Esso presenta un'offerta formativa ampia e ben raccordata con le discipline storiche e letterarie.
La didattica svolta dai docenti delle letterature antiche abitua a conoscere gli autori fondamentali per la sua comprensione e a ricercare anche nella tradizione letteraria le chiavi di lettura generali. La forte collaborazione con gli studi storici deve fornire una capacità di valutazione non solamente estetica della documentazione, ma anche storica, sociale ed economica. All'interno dell'analisi dei monumenti e dei reperti si inserisce anche lo studio delle iscrizioni che li accompagnano. I corsi permettono di imparare ad usare i principali strumenti informatici per elaborare immagini e testi.
Il corso di Laurea Magistrale è unico e non diviso in curricula. A seconda del piano degli studi, il laureato può ottenere una formazione specifica nelle diverse periodizzazioni dell'Archeologia e della Storia dell'Arte, oppure una formazione fortemente diacronica, in base a percorsi formativi personali. Nell'ambito dell'Archeologia è data la possibilità di scegliere una formazione dedicata maggiormente alla classicità oppure all'orientalistica o alla protostoria. La didattica in ambito antichistico permette di approfondire problematiche importantissime per la Storia dell'Arte, quali la valorizzazione della classicità, oppure anche di motivi artistici egiziani o vicino-orientali nell'arte moderna. La metodologia archeologica apre nuove strade alla conoscenza dell'arte medievale, moderna e contemporanea, dato che essa non si limita allo studio dell'antichità, ma investe anche il Medioevo e arriva fino all'epoca contemporanea.
Gli esami previsti per il primo anno portano al conseguimento di 48 cfu comuni alle due classi di Laurea Magistrale 2 e 89.
Gli esami comuni alle due classi di Laurea Magistrale sono soprattutto quelli di carattere metodologico, la Museologia e Critica artistica e del restauro, e gli esami che riguardano l'archeologia classica e l'arte medievale, la quale costituisce il raccordo fra l'antichità e l'epoca moderna.
Nel secondo anno i laureati che intendono conseguire il diploma nella Laurea Magistrale 2 - Archeologia otterranno una formazione specifica nella storia antica e nella metodologia archeologica, quelli che intendono conseguire il diploma nella Laurea Magistrale 89 - hanno a disposizione la possibilità di ottenere una formazione specifica nella Storia dell'Arte, sia Moderna che Contemporanea.
Inoltre tutti i laureati hanno a disposizione una scelta entro un'ampia gamma di discipline, che permette di approfondire uno specifico ambito di studio, coerentemente con quello che sarà l'argomento della tesi di laurea magistrale.
All'atto dell'immatricolazione il laureato specifica quale titolo di studio intende conseguire e la sua scelta deve risultare definitiva quando si iscrive al secondo anno. Contestualmente alla scelta definitiva, dev'essere presentato il piano degli studi per l'approvazione del Consiglio di Corso di Laurea competente. Tale piano dev'essere coerente con la tesi di laurea magistrale che si intende presentare.
Inserisci la matricola per vedere la tua offerta formativa nell'anno corretto.

Offerta formativa