Letteratura greca b (p) (2006/2007)

Corso disattivato

Codice insegnamento
4S01192
Docente
Andrea Rodighiero
crediti
6
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
1 semestre dal 2-ott-2006 al 20-dic-2006.

Orario lezioni

1 semestre
Giorno Ora Tipo Luogo Note
giovedì 11.50 - 13.30 lezione Aula 1.2  
venerdì 11.50 - 13.30 lezione Aula 1.2  

Obiettivi formativi

Il corso si propone come seconda tappa dello studio della letteratura greca nel suo sviluppo diacronico – dal teatro di quinto secolo fino alla produzione di età ellenistica –, nonché delle sue modalità di fruizione. La lettura di testi in lingua originale (alcuni anche in traduzione) prevede lo studio degli aspetti di lingua, delle strutture della narrazione (teatro, nuova epica, idillio) e del trattamento del materiale mitografico da parte di distinte poetiche di genere attraverso una selezione di esempi (Medea e Giasone, Baccanti) e attraverso una bibliografia mirante a fornire almeno le linee generali di tali percorsi di trasformazione.

Programma

Contenuto del corso: (1) Visione d’insieme della letteratura greca di età classica ed ellenistica. (2) Temi e forme dalla poesia tragica alla poesia ellenistica.

Testi di riferimento:
(1) L.E. Rossi – R. Nicolai, Storia e testi della letteratura greca, Firenze, Le Monnier 2002, Volume III, tomi A e B, con la lettura di tutti i testi dell’antologia (in traduzione).

(2) Lettura di M. Fantuzzi, R. Hunter, Muse e Modelli. La poesia ellenistica da Alessandro Magno a Augusto, Roma-Bari, Laterza 2002, cap. III (pp. 121-175), cap. VI (pp. 359-387); F. Montanari, L’altro pubblico. La fruizione dei testi teatrali greci nell’età ellenistica, in L. De Finis, Teatro e pubblico nell’antichità, Atti del Convegno Nazionale, Trento, 25/27 aprile 1986, Trento 1987, pp. 59-73.

(3) Lettura guidata di: Euripide, Medea (1-626; 866-975; 1314-1419: il resto in italiano); Apollonio Rodio, Argonautiche (I, 1-22; III, 616-835; III, 1025-1132; IV, 1114-1169); Teocrito, Idillio XXVI.

Per Euripide si consiglia: Medea, a cura di L. Galasso e F. Montana, Torino, Einaudi Scuola, 2004.
Per Apollonio Rodio: Le Argonautiche, traduzione di G. Paduano, introd. e commento di G. Paduano e M. Fusillo, Milano, BUR, 1986 e ss.
Per Teocrito: Idilli, a cura di M. Cavalli, Milano, Mondadori 1991, o Idilli e epigrammi, a cura di B.M. Palumbo Stracca, Milano, BUR, 1993.

Modalità d'esame

Colloquio