Analisi dei testi antichi e pragmatica della comunicazione (continuazione, anno 2005)

Data inizio
1 settembre 2005
Durata (mesi) 
24
Responsabili (o referenti locali)
Ricottilli Licinia

La ricerca è una continuazione del progetto Analisi dei testi antichi e pragmatica della comunicazione (della durata di 36 mesi) presentato nel 2004; nel primo anno sono state analizzate le diverse modalità di interazione presenti nei prologhi di Terenzio, con l’ausilio sia delle metodologie tradizionali (analisi filologica, linguistica, stilistica, storico – letteraria, etc.), sia di un nuovo metodo d’indagine cioè la pragmatica della comunicazione.
Si tratta di un metodo nuovo, ma già applicato ad altri testi antichi, fra cui quello plautino (L. Ricottilli, Strategie relazionali e `ridefinizione’ di un progetto di matrimonio nell’Aulularia (vv. 120-176), in Lecturae Plautinae Sarsinates III Aulularia, a cura di R. Raffaelli e A. Tontini, Quattroventi, Urbino 2000, pp. 31-48) e quello virgiliano (L. Ricottilli, Gesto e parola nell’ Eneide, Bologna 2000, pp. 1-246), e compatibile con le teorie grammaticali e retoriche degli antichi. Secondo quest’ottica, il personaggio non viene più considerato e valutato di per sé, come una entità isolata, ma nei mutamenti e negli equilibri relazionali che instaura con gli altri personaggi. Sui presupposti teorici della pragmatica della comunicazione, si vedano P. Watzlawick, J. Helmick Beavin, D.D. Jackson, Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi, trad. it., Roma 1971 (New York 1967).
La finalità del progetto è quella di approfondire le strategie comunicativo-relazionali presenti in testi teatrali latini e la loro connessione con il tipo di comunicazione teatrale privilegiato dall’autore, nonché i loro legami con elementi significativi del codice antropologico dell’epoca. Tale analisi viene estesa anche all’esame del livello di enunciazione dell’opera teatrale, cioè il modo in cui vengono configurate da autori come Terenzio e Seneca le loro relazioni con l’opera stessa, con i destinatari, con autori precedenti, con eventuali detrattori etc. Un’ulteriore finalità della ricerca è quella di preparare le basi teoriche per un Convegno Internazionale sulla pragmatica della comunicazione applicata a testi antichi e moderni.
I risultati del lavoro del primo anno sono confluiti in una monografia (L. Ricottilli, “Conversatio”. Rapporto interpersonale e comunicazione teatrale in Terenzio, Bologna 2004, pp. 1-191). La ricerca che resta da svolgere nei successivi 24 mesi si concentrerà sulla ristrutturazione che Terenzio offre del tradizionale rapporto dell’autore con i destinatari e sui modelli relazionali che implichino forme di reciprocità positiva e negativa. E’ prevista anche l’organizzazione di un Convegno relativo a tali tematiche.

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Renata Raccanelli
Professore associato
Licinia Ricottilli
Professore ordinario

Attività

Strutture