L'eredità culturale degli Scaligeri

Data inizio
1 luglio 2002
Durata (mesi) 
12
Responsabili (o referenti locali)
Marchi Gian Paolo

La ricerca si propone di raccogliere e organizzare le testimonianze storico-letterarie e codicologiche che si riferiscono alla signoria scaligera. La memoria degli Scaligeri ha avuto una sorte diversa, decisamente meno favorevole, rispetto a quella di altre famiglie signorili dell'Italia settentrionale e centrale. Gonzaga ed Estensi ad esempio hanno potuto conservare lungo i secoli archivi e biblioteche, che nel caso di Verona hanno subito invece una totale dispersione, in seguito a incendi e dispersioni di documenti: eventi riferibili anche all'iniziativa degli occupanti, prima Gian Galeazzo Visconti e poi la repubblica di Venezia. Nessuna traccia è rimasta della biblioteca di corte: solo di recente sono affiorati due codici appartenenti alla biblioteca scaligera, con lo stemma e il monogramma di Antonio Della Scala. Il passaggio di questi due manoscritti, ora nella Biblioteca Vaticana, da Verona in Germania, e la loro acquisizione da parte della Biblioteca Palatina di Heidelberg, induce a considerare lopportunità di indagare le tracce degli Scaligeri in Germania, dove la famiglia si stabilì dopo l'espulsione da Verona, e dove ebbe un ruolo non del tutto marginale.
Anche dal punto di vista letterario rimangono spazi di indagine: resta da studiare la tessitura linguistica del "Bisbidis" di Immanuel Romano, anche in relazione al passo su Mastino II della cronaca dell'Anonimo Romano; restano da precisare i rapporti con l'ambiente scaligero di Petrarca e di Boccaccio, sia sulla base di un'interpretazione attenta delle loro opere, sia mediante nuove ricerche d'archivio; occorre infine interpretare il revival scaligero nella letteratura del Cinquecento, e la costruzione di un'immagine da confrontare con ciò che effettivamente rimane della poesia e dell'arte veronese del Trecento.

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Fabio Forner
Professore associato
Gian Paolo Marchi
Professore emerito
Corrado Viola
Professore ordinario

Attività

Strutture