“La buona pratica della contaminazione ”

Data inizio
1 luglio 2012
Durata (mesi) 
28
Dipartimenti
Culture e Civiltà
Responsabili (o referenti locali)
Landuzzi Maria Gabriella

La società attuale appare caratterizzata dalla compresenza di diverse comunità/etnie. La loro sopravvivenza e le loro attività rendono evidente che le relazioni, gli scambi, le attività culturali ed artistiche ne rappresentino l’espressione più specifica.
Tali espressioni, tipiche di ogni comunità, danno origine a “contaminazioni” tra i diversi soggetti sia appartenenti alle comunità stesse sia al contesto generale.
La ricerca mira a riflettere sulle espressioni delle comunità africane presenti nel territorio veronese e sulla creazione di “contaminazioni” tra le persone che creano vantaggio/utilità per l’intera comunità.
Per riflettere su tali contaminazioni si vuole attivare un primo momento di conoscenza e di riflessione volto a esplorare il territorio veronese come luogo nel quale le comunità africane si propongono mediante varie attività, generando scambi produttivi e ricchezza culturale.
Al fine di valorizzare tali processi sembra opportuno innanzitutto, conoscere le realtà culturali/artistiche africane (associazioni riconosciute, enti di vario genere, gruppi informali, singoli individui, etc) presenti sul territorio veronese; ciò attraverso una mappatura dell’esistente tramite schede sintetiche che comporranno una piccola brochure esplicativa e informativa (eventualmente con traduzioni in più lingue).
In seguito, individuare buone pratiche riproducibili; ovvero, attraverso interviste/colloqui a testimoni privilegiati/responsabili ecc., sulla base di una griglia predisposta, si vogliono comprendere le motivazioni che spingono alcuni soggetti (associazioni, gruppi, enti, ecc.) a promuovere attività culturali e le conseguenti ricadute sociali positive sulla comunità (come ad esempio la diminuzione del pregiudizio oppure l’incentivazione di occasioni di incontro e di relazioni).
Dal punto di vista metodologico, il percorso di ricerca qualitativa si articolerà in due parti fondamentali: la mappatura del territorio e delle associazioni; interviste semistrutturate a testimoni privilegiati.

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Emanuela Gamberoni
Professore associato

Attività

Strutture