FRESCO - Affreschi staccati: restauro e conservazione

Data inizio
15 gennaio 2018
Durata (mesi) 
36
Dipartimenti
Culture e Civiltà
Responsabili (o referenti locali)
Molteni Monica
Parole chiave
Storia del restauro, Museologia, Diagnostica per i beni culturali, Storiografia artistica, Storia dell'arte, Didattica museale

Finalità del progetto è lo studio degli stacchi e strappi d’affresco effettuati fra XVIII e XX secolo attraverso un approccio metodologico innovativo e multidisciplinare che pone in dialogo la storia del restauro e delle tecniche artistiche, la storia della critica, la museologia, la storia dell’arte e le tecnologie della diagnostica applicata ai beni culturali. Nel contesto del progetto si intende sviluppare la collaborazione tra il Centro LANIAC dell’Università di Verona e l’analogo CAEM dell’Università di Lleida, al fine di promuovere gli scambi scientifici sulle metodologie diagnostiche applicate alle opere d’arte.
Oggetto della ricerca saranno gli stacchi pittorici conservati nei Musei di Castelvecchio di Verona e di Palazzo Ducale di Mantova, che costituiscono un corpus di oltre 200 pezzi, all’interno del quale sono riscontrabili importanti elementi di continuità (identità di autori, interventi dei medesimi restauratori), ma anche significativi fattori di differenziazione, che ragionati criticamente consentiranno di ricostruire l’evolversi della tecnica conservativa dello stacco.
La mappatura completa di tali materiali procederà attraverso la schedatura delle singole opere e includerà: le principali notizie storico-critiche e la bibliografia del dipinto; la trascrizione integrale dei documenti archivistici relativi agli interventi di restauro passati e recenti; l’inserimento del materiale iconografico relativo ai vari stadi conservativi, incluse incisioni, disegni e foto d’epoca, nonché la documentazione fotografica relativa ai restauri recenti; i risultati delle indagini diagnostiche condotte sulle singole opere. Le schede saranno rese disponibili alla consultazione on line tramite il loro caricamento nel sito web del Centro Rossano Bossaglia, sul database implementabile e di facile accessibilità, concepito in modo da poter impostare le ricerche per temi (autori, opere, tecniche, materiali, procedimenti conservativi, restauratori), così da essere fruibile dagli studiosi delle varie discipline connesse alla storia delle tecniche artistiche e del restauro, nonché dai professionisti che operano nel campo della conservazione, offrendo un supporto completo e innovativo alla progettazione di interventi di tutela impostati secondo criteri di oggettiva scientificità. Nell’ambito del progetto verranno indagati i criteri museografici che hanno portato nel tempo a ricollocare gli affreschi in contesti diversi rispetto a quelli originari. Inoltre, attraverso lo studio sarà quindi possibile riuscire a ricostruire l’immagine della urbs picta con sistemi informatici e tecnologici che permetteranno la visione e la comprensione di contesti perduti e un dialogo tra museo e tessuto urbano in accordo con la mission di Horizon 2020 (Science with and for Society). Le metodologie interattive saranno impiegate inoltre per la progettazione di percorsi didattici ad hoc.
 

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Paola Artoni
Professore a contratto
Stefania Cretella
Professore a contratto
Francesca Marossi
Monica Molteni
Ricercatore
Maddalena Oldrizzi
Dottorando
Valerio Terraroli
Professore ordinario
Alessandra Zamperini
Professore associato

Collaboratori esterni

Peter Assmann
Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova Direttore
Renata Casarin
Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova
Ettore Napione
Museo di Castelvecchio curatore
Aree di ricerca coinvolte dal progetto
Storia e Antropologia
Cultural studies, symbolic representation, religious studies
Storia dell'arte
History of art and architecture
Storia dell'arte
Museums, exhibitions, conservation and restoration

Attività

Strutture