Immigrazione e rapporti intergenerazionali (continuazione, anno 2002)

Data inizio
1 gennaio 2002
Durata (mesi) 
36
Dipartimenti
Culture e Civiltà
Responsabili (o referenti locali)
Maher Vanessa Anne

Obiettivi conoscitivi.
L’obiettivo della ricerca è di esplorare , anche attraverso una indagine sul campo, il rapporto fra nicchie urbane, pratiche sociali e processi cognitivi di immigrati e “ autoctoni”, specie in relazione alle dinamiche di genere e intergenerazionali, in un quartiere di Verona. La ricerca intende fornire dati e ipotesi significative per l’eventuale implementazione di interventi riguardanti gli spazi urbani .
La ricerca si avvale di docenti e ricercatori di antropologia culturale e di psicologia sperimentale che hanno tenuto durante l’anno 2003 una serie di seminari periodici di confronto, dalle diverse prospettive disciplinari, sulla percezione dello spazio ( Gruppo di ricerca “ Fuzzy Places), preparatori ad una ricerca sul campo a Veronetta. Si sta preparando una pubblicazione basata su questi seminari.
Per quanto riguarda la parte antropologica, la ricerca riguarderà l’utilizzo il non-utilizzo individuale e sociale degli spazi da parte degli abitanti italiani e stranieri di Veronetta; gli habitus( insieme di pratiche dell’ambiente fisico e culturale) che gli attori portano alla situazione locale; le rappresentazioni individuali e collettivi degli spazi, dei legami fra di loro e del flusso di persone e cose che li attraversano; il senso dei luoghi e della loro perdita. Obiettivo della parte psicologica sarà analizzare i contributi derivanti dai risultati emersi sull’organizzazione percettiva dei margini al modo in cui lo spazio urbano di un quartiere si organizza nella rappresentazione che le diverse categorie sociali( distinte per genere, generazione, classe sociale provenienza geografica) hanno di quello spazio.
Durante l’anno scorso è stato svolto un primo sopraluogo nel quartiere, in occasione dell’insediamento di una nuova associazione di donne native e migranti nel quartiere.
Attualmente i ricercatori fra i quali un mediatore culturale e due giovani laureate a contratto, seguono un corso sulla storia del quartiere e contemporaneamente stanno svolgendo ricerca su diversi microambienti nel quartiere dove svolgono osservazione partecipante,effettuano interviste e approfondiscono una bibliografia pertinente.
In una seconda fase di questa ricerca si intende, attraverso l’uso della fotografia, indagare sulla percezione visiva e la rappresentazione simbolica del quartiere da parte dei suoi diversi abitanti.
Obiettivi applicativi.
La ricerca produrrà risultati utili a chiunque, urbanista o funzionario amministrativo, abbia da ideare progetti per il futuro di una popolazione multiculturale. Fornisce uno strumento per l’espressione dei vari punti di vista sull’habitat cittadino e per la creazione di canali di comunicazione nuovi fra le diverse categorie generazionali e sociali. La ricerca sarà utile a operatori della scuola e dei servizi socio-sanitari e alle associazioni che operano nel campo dell’immigrazione, ai mediatori e alle famiglie italiane e straniere. Funge da perno al lavoro di tirocinio e di tesi di laurea di studenti e studentesse veronesi attenti a queste tematiche

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Francesco Ronzon

Collaboratori esterni

Daniela Marchese
M. P. I.
Francesco Ronzon
Accademia delle Belle Arti Cigarini di Verona Docente di Antropologia Culturale

Attività

Strutture