Letteratura italiana moderna e contemporanea (p) (2005/2006)

Corso disattivato

Orario lezioni

2° sem
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 11.50 - 13.30 lezione Studio Studio Prof. Giuseppe Fornari  
martedì 11.50 - 13.30 lezione Studio Studio Prof. Giuseppe Fornari  

Obiettivi formativi

il corso si propone di ripercorrere, attraverso la lettura e l’analisi di alcuni tra i più noti e importanti romanzi e racconti italiani e tedeschi di primo Novecento, uno dei momenti più significativi della letteratura italiana ed europea del secolo appena trascorso.

Programma

Prerequisiti: buona conoscenza della cultura e della letteratura italiana ed europea di fine Ottocento e di primo Novecento.

Contenuto del corso: Scritture della crisi: un possibile percorso nella narrativa europea di primo Novecento.

Testi di riferimento: Appunti dalle lezioni. Lettura dei seguenti testi:
Hugo von Hofmannsthal, Lettera di Lord Chandos (Rizzoli, BUR, introduzione di Claudio Magris);
Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal, e una scelta (che sarà indicata a lezione) di racconti da Novelle per un anno;
Thomas Mann, La morte a Venezia;
Federigo Tozzi, Con gli occhi chiusi;
Franz Kafka, La metamorfosi;
Italo Svevo, La coscienza di Zeno.
I testi indicati si possono trovare tutti in edizioni poco costose (Einaudi, Mondadori, Garzanti, Bompiani, ecc.); andranno comunque letti in versioni attendibili, fornite di buone introduzioni e di notizie essenziali, che saranno richieste nel colloquio d’esame, sugli autori e sulle opere. Una bibliografia critica di approfondimento sarà indicata durante le lezioni

Metodi didattici: lezioni frontali.

NB: I non frequentanti dovranno concordare alcune letture integrative nell’orario di ricevimento del docente (non per telefono, né per e-mail, tranne che in casi autenticamente disperati).

Modalità d'esame

colloquio, o prova scritta (composizione) da decidere sulla base del numero degli iscritti. Per la prova d’esame è richiesta la conoscenza approfondita delle opere indicate nel programma, la loro analisi critica (con i necessari riferimenti biografici agli autori) e naturalmente anche una buona conoscenza della letteratura e della cultura italiane ed europee di fine Ottocento e di primo Novecento (fino a tutti gli anni Venti).