Filologia germanica LM (2014/2015)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Codice insegnamento
4S02556
Docente
Maria Adele Cipolla
Coordinatore
Maria Adele Cipolla
crediti
6
Settore disciplinare
L-FIL-LET/15 - FILOLOGIA GERMANICA
Lingua di erogazione
Inglese
Sede
VERONA
Periodo
Semestrino IIA, Semestrino IIB

Orario lezioni

Semestrino IIA
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 2.1  
martedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 2.1  
Semestrino IIB
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 2.1  
martedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 2.1  

Obiettivi formativi

1. Indoeuropeo vs Germanico: Il dibattito contemporaneo

Il corso intende presentare un resoconto dettagliato e un'analisi comparativa delle lingue germaniche, delle loro 'grammatical units', 'rule systems' e'contruction' (formazione delle parole, sistema fonologico, quantità vocalica, struttura sillabica, frase nominale, frase verbale, tempo, modo, sintassi del periodo

Bibliografia

- Harbert, Wayne. 2007. The Germanic languages. Cambridge: CUP.

- Walkden, George. 2014. Syntactic reconstruction and proto-germanic. Corby: Oxford University Press


2. Gothica Bononiensia: Inferenze linguistiche e critico-testuali di una riscoperta

Il corso presenta una recente scoperta (due folia palinsesti, chiamati Gothica Bononiensia, poiché sono stati scoperti nella Basilica di San Petronio a Bologna). I frammenti appartengono a sezioni delle Scritture gotiche non ancora noti, poiché non attestati in altri mss. (il più rilevante dei quali è il cosiddetto Codex Argenteus, oggi a Uppsala, Svezia). Il testo dei frammenti rappresenta forse un repertorio di loci scritturali, da utilizzarsi per la redazione di omelie. Il tema principale è la potenza salvifica di Dio.
A giudicare dal confronto con altri codici gotici, i frammenti vanno datati nella prima metà del VI sec.; ma le difformità nello stile dall'elegante scrittura libraria gotico-ravennate (rappresentata soprattutto dall'Argenteus), lascia presumere un diverso luogo di produzione, forse Verona, un importante centro del dominio gotico sull'Italia.
La scrittura di tipo corsivo sembra confermare l'esistenza di scuole di esegesi biblica gotico-ariana e la relativa produzione di 'manuali' di scarso valore codicologico, per lo studio e l'insegnamento.

Bibliografia
- Finazzi, Rosa Bianca and Paola Tornaghi, ‘Gothica Bononiensia. Analisi linguistica e filologia di un nuovo documento’, Aevum 87, 2013, pp. 113-55 (English translation by Irmengard Rauch in Interdisciplinary Journal for Germanic and Semiotic Analysis 19, 2, 2014, pp. 1-56)

- Carla Falluomini, ‘Zum gotischen Fragment aus Bologna’, ZfdA 143 (2014), pp. 281-305.

Programma

Bibliografia

1. Indoeuropeo vs Germanico: Il dibattito contemporaneo

- Harbert, Wayne. 2007. The Germanic languages. Cambridge: CUP.

- Walkden, George. 2014. Syntactic reconstruction and proto-germanic. Corby: Oxford University Press


2. Gothica Bononiensia: Inferenze linguistiche e critico-testuali di una riscoperta

- Finazzi, Rosa Bianca and Paola Tornaghi, ‘Gothica Bononiensia. Analisi linguistica e filologia di un nuovo documento’, Aevum 87, 2013, pp. 113-55

- Carla Falluomini, ‘Zum gotischen Fragment aus Bologna’, ZfdA 143 (2014), pp. 281-305.

Modalità d'esame

Esame orale; prova in itinere su singoli aspetti preliminari del corso (punto 1 in Bibliografia)