Pubblicazioni

De Bosio, "Betia", 1994: Meneghelo filosofo dell'eros  (2012)

Autori:
S. BRUNETTI
Titolo:
De Bosio, "Betia", 1994: Meneghelo filosofo dell'eros
Anno:
2012
Tipologia prodotto:
Contributo in atti di convegno
Tipologia ANVUR:
Contributo in Atti di convegno
Nazioni degli autori:
ITALIA
Lingua:
Italiano
Formato:
A Stampa
Titolo del Convegno:
"Molte cose stanno bene nella penna che ne la scena starebben male". Teatro e lingua in Ruzante
Luogo:
Padova-Pernumia
Periodo:
26-27 ottobre 2011
Casa editrice:
Cleup
ISBN:
9788861298781
Intervallo pagine:
309-326
Parole chiave:
De Bosio, messinscena di Betia, Meneghelo
Breve descrizione dei contenuti:
Nella primavera del 1994, a venticinque anni di distanza dal suo precedente allestimento del 1969 per il Piccolo Teatro di Milano, Gianfranco De Bosio torna a lavorare su La Betía di Beolco. A differenza di quanto fatto in precedenza, il regista non si concentra più esclusivamente sul mondo gioioso e intriso di erotica vitalità della festa matrimoniale, ma si propone di approfondire anche la spietata analisi sottesa al testo della commedia, che denuda le contraddizioni del sentimento amoroso. Per far ciò De Bosio decide di porre in scena la dissertazione sull'amore inserita nelle prime scene del primo atto dell'opera ruzantiana, disquisizione da lui omessa in occasione del precedente allestimento. Nella parte di dialogo così recuperata alla scena compare in scena un personaggio che nella commedia ruzantiana agisce solo nella parte finale del quinto atto, Meneghelo, a cui viene attribuita parte della partitura dialogica pensata in origine da Beolco per un altro personaggio, Bazarelo. L'interessante proposta della stesura compiuta da De Bosio, di fondere in un'unica figura drammatica la tessitura testuale di due creazioni distinte (il contestatore e l'amante in cerca di sistemazione), dà origine a una sorta di polivalente e disincantato filosofo dell'eros.
Pagina Web:
http://www.cleup.it
Id prodotto:
72069
Handle IRIS:
11562/388875
depositato il:
14 agosto 2012
ultima modifica:
2 novembre 2016
Citazione bibliografica:
S. BRUNETTI, De Bosio, "Betia", 1994: Meneghelo filosofo dell'eros  in "Molte cose stanno bene nella penna che ne la scena starebben male". Teatro e lingua in RuzanteCleupAtti di ""Molte cose stanno bene nella penna che ne la scena starebben male". Teatro e lingua in Ruzante" , Padova-Pernumia , 26-27 ottobre 2011 , 2012pp. 309-326

Consulta la scheda completa presente nel repository istituzionale della Ricerca di Ateneo IRIS

Progetti Collegati
Titolo Dipartimento Responsabili
Ricostruire l'arte scenica dell'interprete italiano di tradizione nel XX secolo Dipartimento Culture e Civiltà Simona Brunetti
<<indietro

Attività

Strutture