Pubblicazioni

Lo spettatore con dovere di testimonianza: Raboni critico teatrale per il «Corriere della Sera»  (2016)

Autori:
S. BRUNETTI
Titolo:
Lo spettatore con dovere di testimonianza: Raboni critico teatrale per il «Corriere della Sera»
Anno:
2016
Tipologia prodotto:
Contributo in volume (Capitolo o Saggio)
Tipologia ANVUR:
Contributo in volume (Capitolo o Saggio)
Lingua:
Italiano
Formato:
A Stampa
Titolo libro:
Questo e altro. Giovanni Raboni dieci anni dopo (2004-2014)
Casa editrice:
Quodlibet
ISBN:
9788874628865
Intervallo pagine:
265-280
Breve descrizione dei contenuti:
L’articolo si propone di mettere in luce l’idea di “critico teatrale” offerta da Giovanni Raboni nelle colonne del «Corriere della Sera» dall’autunno 1987 alla primavera del 1998, quando accetta di far parte del consiglio di amministrazione del Piccolo Teatro di Milano. In particolare nella sua visione il critico è uno spettatore speciale, un testimone, un individuo competente che nella descrizione e ricostruzione per verba riesca a indurre il lettore a raffigurarsi la rappresentazione come se fosse stato presente. Sebbene i suoi gusti sembrano maggiormente attratti dalla disamina dell’opera drammaturgica messa in scena, piuttosto che dalla concezione registica o dall’interpretazione degli attori, in quanto recensore è sempre particolarmente attento a definire puntualmente il senso e le coordinate dello spettacolo nel suo complesso, talvolta separandone lucidamente i motivi del successo o del fallimento dalla sua opinione sul testo.
Pagina Web:
www.quodlibet.it
Id prodotto:
93960
Handle IRIS:
11562/921786
ultima modifica:
12 maggio 2017
Citazione bibliografica:
S. BRUNETTI, Lo spettatore con dovere di testimonianza: Raboni critico teatrale per il «Corriere della Sera» Questo e altro. Giovanni Raboni dieci anni dopo (2004-2014)Quodlibet2016pp. 265-280

Consulta la scheda completa presente nel repository istituzionale della Ricerca di Ateneo IRIS

Progetti Collegati
Titolo Dipartimento Responsabili
Ricostruire l'arte scenica dell'interprete italiano di tradizione nel XX secolo Dipartimento Culture e Civiltà Simona Brunetti
<<indietro

Attività

Strutture